Ex Moi, Appendino e Salvini: "Entro un anno libere tutte le palazzine"

A breve lo sgombero del secondo edificio

Entro un anno, al massimo, le palazzine dell'ex villaggio olimpico di via Giordano Bruno saranno liberate. Lo hanno annunciato, al termine dell'incontro convocato ieri al Viminale - al quale era presente anche il prefetto di Torino Claudio Palomba -, la sindaca del capoluogo piemontese Chiara Appendino e il ministro degli Interni Matteo Salvini. Il vertice è stato convocato in seguito all'ultimo grave episodio che si è verificato la scorsa settimana: l'omicidio di un giovane nigeriano.

La prima cittadina e il vice premier, in seguito all'incontro, hanno sottolineato come sia necessario "dare una rapida soluzione a un problema che va avanti dal 2013". Verranno inoltre stanziate "risorse speciali per i rimpatri volontari e per il rinnovo del protocollo Moi". Al momento, fanno sapere Appendino e Salvini, è in corso un censimento degli occupanti delle palazzine: "Entro marzo - precisano - procederemo al trasferimento degli occupanti della seconda palazzina".

La posizione di Fratelli d'Italia

Ma in merito all'intenzione di proseguire lo sgombero con le modalità prestabilite, Fratelli d'Italia storce il naso: "La conferma del protocollo Moi annunciata oggi dall’incontro Appendino-Salvini - commentano Augusta Montaruli, parlamentare torinese FDI, e Maurizio Marrone, dirigente nazionale FDI, promotore di una recente fiaccolata nel quartiere per lo sgombero immediato - è una pessima notizia per Torino: l’amministrazione comunale grillina aveva già garantito a Salvini lo sgombero della seconda palazzina entro dicembre 2018, ora chi crede alla nuova promessa su marzo 2019?".

E incalzano: “Noi che viviamo il territorio e conosciamo le periferie torinesi possiamo confermare a Salvini che gli immigrati evacuati dal Moi vengono semplicemente trasferiti in un altro quartiere operaio a Barriera, nelle mani delle cooperative del business accoglienza, e gli spazi del Villaggio Olimpico Moi continuano ad essere rioccupati". E portano come esempio il cortile interno delle palazzine trasformato in una baraccopoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento