menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scuola Oscar Romero

La scuola Oscar Romero

La scuola torna ad essere sicura: da settembre riapre agli studenti

Dopo un anno di lavori

A distanza di un anno dall'ordinanza di chiusura, firmata dall'allora sindaco Roberto Falcone, la scuola elementare “Oscar Romero” di via Guarini a Venaria, nel rione Salvo d’Acquisto, può considerarsi tornata alla normalità.

Nei giorni scorsi, il commissario prefettizio Laura Ferraris ha infatti firmato l'ordinanza con la quale fa cessare la precedente ordinanza d'inagibilità, firmata da Falcone dopo un sopralluogo da parte del personale di Gesin - la società partecipata comunale che si occupa di manutenzioni - e di una società specializzata, la Palladio di La Spezia.

“C’è il rischio di un distacco di uno strato di calcestruzzo, che potrebbe riguardare anche i solai”, precisava il sindaco Falcone.

Ma dopo un anno in cui alunni, docenti e personale sono stati costretti a trasferirsi nella scuola Don Milani di corso Papa Giovanni XXIII e nella scuola Gramsci di via Motrassino, da metà settembre si tornerà in via Guarini. 

In soli dodici mesi, grazie ai fondi del Bando Periferie, sono stati completati i lavori di consolidamento dei solai e dichiarato la corretta posa della rete antisfondamento.

"Oggi c'è una splendida notizia: i lavori della Romero sono terminati e grazie alla revoca dell'ordinanza da parte del Commissario la scuola a settembre sarà restituita ad alunni, genitori e insegnanti. Chi ha seguito da vicino la vicenda sa quanto sia stato difficile il punto di partenza e quanto sia stato impegnativo arrivare a questo traguardo. Oggi non abbiamo mantenuto una promessa, ma abbiamo raggiunto un obiettivo e lo abbiamo raggiunto tutti insieme: vedere una speranza di dicembre che diventa realtà è impagabile ed è, forse, il senso di fare politica", commenta l'ex sindaco Falcone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento