Gtt, il via libera dal Senato: arrivano 40 milioni per salvare l'azienda

Si attende la presentazione del piano industriale e finanziario

Il Senato ha dato il via libera alla Commissione Bilancio per assegnare 40 milioni di euro a Gtt, l'azienda torinese del trasporto pubblico che, com'è noto, da tempo non naviga in acque tranquille. Ad annunciare la notizia, tramite un Tweet, il senatore Pd Stefano Esposito che ha preentato l'emendamento alla manovra: "La Commissione Bilancio del Senato ha approvato il mio emendamento che autorizza la Regione Piemonte a utilizzare 40 milioni per il salvataggio di Gtt. Ora Chiara Appendino - scrive Esposito sui social - dica cosa intende fare il Comune". 

Gtt è in attesa di riunire l'assemblea dei soci per la presentazione del piano industriale e finanziario, al fine di procedere all'approvazione del Bilancio. A mettere in crisi economica l'azienda di trasporti torinese, il meccanismo dei cosiddetti disallineamenti che ha anche portato la Procura ad aprire l'inchiesta per il reato di falso in bilancio e a procedere con 9 avvisi di garanzia nei confronti dei vertici.

Le indagini si riferiscono ai conti del 2015 e si concentrano in particolare su un credito di 20 milioni di interessi che Gtt vanta nei confronti del Comune ma che Palazzo Civico non riconosce. Tra gli indagati anche l'amministratore delegato Walter Ceresa.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento