Ristrutturare il bagno durante l'emergenza covid? Ecco come ridurre notevolmente i tempi di lavoro

Mai come quest'anno abbiamo passato tanto di quel tempo tra le mura delle nostre abitazioni. L'occasione giusta per accorgersi dei piccoli - o grandi - ritocchi che necessita la nostra casa

Tra smart working, didattica a distanza e clausura forzata qualcuno avrebbe potuto pensare che questo fosse il periodo migliore per affidarsi ai lavori di ristrutturazione "Fai da te". Nulla di più sbagliato. 

E' bene affidarsi come sempre a mani esperte e c'è chi a Collegno, alle porte di Torino, ha pensato proprio a tutto per venire incontro alle esigenze dei cittadini, dallo sconto in fattura, fino all'alloggio sostitutivo. L'assenza di qualsiasi intermediazione è il loro punto di forza - spiegano Andrea Manzi, amministratore unico di Acqua Quadra, ed Erika Ramolivaz, direzione di Acqua Quadra - perché permette di ridurre notevolmente i tempi di lavoro. Acqua Quadra infatti mette in campo un sistema di ristrutturazione bagno che prevede:

- la consulenza al cliente sul design del nuovo bagno.

- l'approvvigionamento dei materiali, visionabili Showroom;

- la gestione delle pratiche tecnico-fiscali;

- i lavori idraulici ed elettrici, oltre a quelli di muratura e finitura, realizzati da una propria squadra di tecnici.

Non solo però, perché, per ridurre i disagi del cliente in questo periodo di reclusione forzata, Acqua Quadra mette a disposizione di chi si affida a loro un alloggio sostitutivo per tutta la durata dei lavori. Un vantaggio non da poco in questo periodo durante il quale in molti sono costretti a lavorare da casa, frequentare le lezioni in cameretta o comunque uscire solo per andare a fare la spesa. Ultimo, ma non per importanza l'aspetto economico. Acqua Quadra grazie al Decreto Rilancio concede ai propri clienti lo sconto in fattura del 50%. Ecco perché ristrutturare il bagno può essere una vera e oriorua opportunità oggi da cogliere al volo. 

Si parla di

Video popolari

Ristrutturare il bagno durante l'emergenza covid? Ecco come ridurre notevolmente i tempi di lavoro

TorinoToday è in caricamento