Auto in quarantena, i controlli da effettuare per ritrovarla in perfetta efficienza

Tutto quello che c'è da sapere

icomp/Freepik License

Anche la vostra auto, osservando la quarantena assieme a voi, è a rischio, non per il coronavirus, ma per le conseguenze di una prolungata immobilità. D’altronde la situazione impone il “tutti a casa”, il più possibile, facendo la spesa nel mercato, nei negozi o nel supermercato più vicino.

La macchina resta ferma per diverse settimane e questo può provocare diversi problemi.

Ecco come proteggerle da un’inattività che non si sa ancora per quanto durerà. Bastano pochi accorgimenti.

Quarantena, come proteggere l'auto: gomme e freni

Fate attenzione quando tornerete a usare l’auto. Gli pneumatici potrebbero essersi ovalizzati (il peso della vettura li schiaccia sul punto in cui poggiano). Basterà ricontrollare la pressione al momento dell’utilizzo e riportarla ai valori di riferimento. E’ bene però procedere anche con un controllo dal gommista il prima possibile, specialmente per gli pneumatici più datati.

E’ importante anche far controllare il sistema frenante: occhio ai primi chilometri, meglio procedere a velocità limitata e testare il sistema. Anche in questo caso è bene rivolgersi a un meccanico di fiducia per scongiurare la presenza di eventuale ruggine che potrebbe mettere a rischio la sicurezza.

Quarantena, come proteggere l'auto: carrozzeria

Se non hai un garage diventa sempre più importante, per la carrozzeria, dotarsi di un telo copriauto. La resina che cade dagli alberi potrebbe rovinarla.

Quarantena, come proteggere l'auto: l'antifurto

Alcuni esperti consigliano di chiudere la portiera con la chiave, anziché con il telecomando, per evitare che i ladri possano intercettare la frequenza e duplicare il dispositivo.

Quarantena, come proteggere l'auto: la batteria

Una batteria lasciata a sé stessa può lasciarvi a piedi quando sarà tornato il momento di usare l’auto. Lo strumento più utile è il multimetro, con cui si può testare lo stato di salute della batteria a motore spento: se il valore scende sotto il 12V vuol dire che la batteria sta accusando il colpo.

Cosa fare? Basta un breve giro intorno al palazzo o comunque in un'area molto vicina all'abitazione in modo da rispettare l'attuale normativa sulla circolazione.

Una soluzione, quando la lancetta va giù, può essere proprio quella di andare a fare la spesa in macchina. Molti esperti infatti concordano sull'inutilità di accendere il motore per pochi minuti a vettura parcheggiata.

Quarantena, come proteggere l'auto: il serbatoio

Meglio non lasciare il serbatoio in riserva di carburante per evitare che, quando sarà il momento di accendere il motore, il sistema vada a pescare i residui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Giro d'Italia a Torino sabato 8 maggio: tutte le modifiche della viabilità in città (e i divieti di sosta)

  • Crollo nel capannone di Amazon in costruzione: un morto e cinque feriti, uno è gravissimo

  • Operazione contro la 'ndrangheta nel Torinese: arresti, sequestrati due bar, due società e una tabaccheria

  • Dagli orti ai marciapiedi. Dalle auto ai treni. Chivasso diventa set hard grazie a Chantilly, regina del web

  • Lapo contro lo spot Hyundai: "La Panda in fumo e la pizza scadente, non si ridicolizza la cultura di un Paese"

  • Fedez vende la Lamborghini per una Panda? Lapo si offre per aiutarlo a sceglierla

Torna su
TorinoToday è in caricamento