Autocertificazione per gli spostamenti, l'ultimo aggiornamento del 26 marzo

Le modifiche

È? disponibile on line il modello di autodichiarazione per gli spostamenti, modificato sulla base delle ultime misure adottate per il contenimento della diffusione del virus Covid-19.

Il dichiarante, sotto la propria responsabilità, rispetto al modello precedente deve dichiarare che lo spostamento è iniziato da (indicando l'indirizzo da cui è iniziato) per poi indicare la destinazione.

Deve poi dichiarare di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti alla data odierna, concernenti le limitazioni alle possibilità di spostamento delle persone fisiche all'interno di tutto il territorio nazionale  e di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposti con provvedimenti del Presidente della Regione di partenza e della Regione di arrivo.

Le giustificazioni ammesse restano quelle di:

  • lavoro; 
  • visita medica; 
  • urgente assistenza a congiunti;
  •  a persone con disabilità;
  • esecuzioni di interventi assistenziali in favore di persone in grave stato di necessità;
  •  obblighi di affidamento di minori; 
  • denunce di reati;
  • rientro dall’estero.

Deve esserci una situazione di necessità anche per gli spostamenti all'interno dello stesso comune.  Questi si possono effettuare quando rivestono carattere di quotidianità e quando sono effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere.

Potete scaricare la nuova autocerficazione aggiornata al 26 marzo al seguente indirizzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, chiude lo storico negozio Ovs. Residenti preoccupati: "Desertificazione commerciale"

  • Mateo è stato ritrovato: era al centro commerciale

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale con 43 casi. Pazienti trasferiti, stop ai ricoveri in un reparto

  • Il Piemonte in zona arancione fino al 31 gennaio: le principali disposizioni in vigore

  • Il casting a Torino della serie tv “L’amica Geniale”, a fine febbraio le riprese

  • Dieci le attività di ristorazione che hanno aperto a Torino e provincia: scattano multe e chiusure

Torna su
TorinoToday è in caricamento