Quarantena e restiamo a casa, ma lo smog (per ora) non cala

Complice un vento sahariano

immagine di repertorio

Pochissimi spostamenti in auto autorizzati, giornate miti e riscaldamenti più bassi, buona parte delle aziende chiuse per il lock down. In tanti si aspettavano che il restare forzatamente a casa avesse come conseguenza un netto calo dello smog.

Invece, un po' a sorpresa, il Pm10, il parametro utilizzato per misurare l'inquinamento dell'aria è risultato alto.

I valori nei giorni del 28 e del 29 marzo sono oltre i limiti in tutto il Piemonte: 54 a Torino, 65 ad Asti, 84 ad Alessandria, 90 a Novara, 97 a Vercelli.

Per i tecnici dell'Arpa la colpa sarebbe di un vento sahariano che ha portato nella Pianura Padana polveri sottili inattese.

 Si attendono i prossimi rilevamenti. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

  • Normativa anticovid, controlli nelle aree verdi di Torino: sanzionati 16 sportivi

Torna su
TorinoToday è in caricamento