Concessionarie auto: il piacere oltre la sicurezza

Lo tsunami Coronavirus genera anche nuove idee in un settore che forse ne aveva bisogno

Alla fine, se guardiamo al passato, il periodo della ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale è stato un momento eccezionalmente intenso per le nuove idee e quell’impegno collettivo che di lì a poco avrebbe avviato il nostro paese al boom economico degli anni sessanta. 
In questi giorni stiamo vivendo qualcosa di simile, soprattutto per chi, come le concessionarie auto, si è trovato improvvisamente in prima linea. I numeri, quasi -98% di vendite, sono drammatici, inimmaginabili solo un paio di mesi fa. Eppure, proprio quando si è colpiti così duramente, la voglia di non darsi per vinti e di reagire può rivelarsi un propellente straordinario per adattarsi al cambiamento e cercare soluzioni innovative. 
Superato il primo shock, in Seven Motors ci siamo rapidamente attrezzati per quello che tutti chiamiamo smart working (curioso notare che il termine non esista nella lingua inglese), fin dove possibile, in un settore dove la fisicità del lavoro e il contatto diretto con il prodotto sono irrinunciabili, tanto per i clienti quanto per chi si prende cura delle loro auto. La prima constatazione è stata la verifica positiva della disponibilità proattiva del nostro team, magari ce l’aspettavamo. La seconda, il mantenimento del feeling con i nostri clienti. E questo era un punto d’onore visto che siamo in Italia la prima concessionaria Mazda per customer satisfaction. 
Ora eccoci alla riapertura. Le regole sono chiare e stringenti: tutti, clienti e chi lavora per loro, devono essere messi in condizioni di tranquillità per la sicurezza fisica e, aggiungiamo, il piacere di entrare in concessionaria. Perché, c’è poco da fare, un’auto oltre ad essere un mezzo di trasporto, è e rimarrà sempre uno strumento di forte coinvolgimento emotivo. Del resto perché rinunciarvi? In Seven Motors, oltre a Mazda, proponiamo Mitsubishi, Subaru e Kia. Tutti brand dell’estremo oriente che della passione e dell’impegno hanno fatto ragione di successo. A presto, le buone novità ci saranno e sarà un piacere scoprirle insieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento