Meteo, anticiclone africano alla riscossa ma a metà settimana arrivano le correnti atlantiche

In vista un peggioramento

Maltempo e freddo precoce che hanno caratterizzato questi ultimi giorni stanno per lasciarci a favore di una nuova rimonta anticiclonica di stampo sub tropicale. Gli esperti di 3B Meteo la definiscono una seconda "ottobrata", visto che si avranno, almeno in una prima fase, stabilità pressoché totale e temperature in aumento con valori al di sopra delle medie stagionali su diversi settori. Poi la saccatura atlantica che sarà fra l'altro responsabile della risalita dell'aria calda africana sul Mediterraneo centrale si sposterà  verso est coinvolgendo gradualmente parte della Penisola in un peggioramento.

L'anticiclone

Con l'inizio della nuova settimana l'anticiclone sub tropicale africano inizierà la sua marcia verso l'Italia scacciando qualche ultimo addensamento relativo alla vecchia circolazione, il sole sarà una caratteristica dominante già da lunedì ma con qualche eccezione. Ammassi nuvolosi interesseranno ancora parte del Nord soprattutto il Nordovest e saranno possibili della locali deboli piogge o pioviggini. Sole prevalente anche martedì e mercoledì ma ancora con annuvolamenti anche insistenti su parte del Nord e localmente lungo le aree tirreniche.

La cresta anticiclonica dovrebbe avere i suoi massimi sulla Penisola intorno alla metà della settimana poi la massa d'aria più calda e più stabile resterà annidata per così dire prevalentemente al Sud mentre al Nord e sulle regioni centrali tirreniche cominceranno ad arrivare i primi annuvolamenti e le prime piogge di stampo atlantico relative all'avvicinamento della saccatura. 

Annuvolamenti al Nordovest

Qualche debole fenomeno è atteso già tra mercoledì e giovedì, prevalentemente al Nordovest ma solo da venerdì il tempo dovrebbe assumere caratteristiche più autunnali con una perturbazione più organizzata al Nord, in transito poi sabato anche al Centro. Il sud rimarrebbe protetto dalla campana anticiclonica almeno fino a sabato con qualche possibile fenomeno solo da domenica.

Clima mite

L'arrivo della nuova massa d'aria, completamente diversa da qualche che ci ha lasciato, comporterà un graduale aumento delle temperature. L'aumento sarà sensibile in collina e montagna ma apprezzabile anche in pianura e nelle valli. Entro mercoledì giovedì avremo diverse situazioni sopra media. Nei prossimi giorni la struttura anticiclonica traslerà verso est il suo asse, causando un aumento dello zero termico e dei valori di temperatura sulle montagne piemontesi mentre in pianura il rialzo termico sarà più contenuto a causa della maggiore nuvolosità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento