Meteo, l'anticiclone africano resiste: temperature oltre la media ancora per giorni

Una lieve perturbazione porterà qualche nuvola a metà settimana

Sono destinati a durare ancora per giorni, sul Piemonte e sulle regioni alpine, gli effetti dell'anticiclone. Secondo gli esperti di 3B Meteo, la circolazione depressionaria atlantica troppo sbilanciata a ovest continua a mantenere in vita sull'Europa centro orientale e su quella meridionale un robusto campo di alta pressione di matrice ibrida, in parte africano e in parte azzorriano. 

Sull'Italia a parte qualche infiltrazione umida, nulla riesce a trapelare e prevalgono condizioni stabili con nebbie e nubi basse al Nord e sole prevalente al Centro Sud. Nel corso dei prossimi giorni la configurazione di bassa pressione presente sul Regno Unito proverà a insidiare il campo anticiclonico cercando di spingersi più a est. Nello scontro l'anticiclone ne uscirà vittorioso ma non senza qualche perdita sul suo fronte più occidentale. 

Nuvole in arrivo

Ne risulteranno alcune infiltrazioni umide e debolmente instabili che viaggeranno alla volta dell'Italia portando nuvolosità irregolare e qualche sporadica precipitazione. Il primo impulso è atteso tra mercoledì e giovedì, il secondo tra venerdì e sabato. Non possiamo parlare di vere perturbazioni ma solo di fronti nuvolosi abbandonati dalla depressione madre in un campo di alta pressione con la conseguenza che arriveranno molto indeboliti e frastagliati. Il clima non cambierà nella sostanza con temperature che si manterranno ancora leggermente al di sopra delle medie stagionali, soprattutto in collina e in montagna che saranno fuori dall'egemonia delle nebbie e delle nubi basse.

Temperature miti

Il clima che ci accompagnerà nella prima parte della settimana sarà più tipico della metà di ottobre che non della seconda decade di novembre, la causa la conosciamo, un potente anticiclone di matrice sub tropicale che interessa i 2/3 dell'Europa. La massa d'aria associata a questo anticiclone è molto mite, soprattutto in quota con temperature anche superiori ai 10°C a 1500m. Nei bassi strati la situazione cambia a causa dell'umidità e delle nebbie che tengono i valori più bassi soprattutto in Valpadana ma su diverse zone saremo comunque sopra la media. Vediamo che valori dovremo attenderci nei prossimi giorni.

Mentre lunedì a Torino sono state rilevate punte di 20°C, nelle giornate di martedì e mercoledì, a causa delle nebbie e dei fenomeni di inversione, il termometro oscillerà, nelle ore più calde, tra i 13 e i 16°C. In collina e montagna valori sopra media con massime a 1500m sulle Alpi fino a 10/12°C. Valori che potrebbero mantenersi tali fino al weekend salvo locali aumenti, in seguito a possibile lieve aumento più generalizzato. In assenza di piogge e venti è destinata ad aumentare purtroppo la concentrazione di Pm10, anche se la riduzione del traffico per le misure anti-covid potrebbe limitare la diffusione di polveri sottili

temperature-massime-marted-3bmeteo-110968-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento