Meteo, colpo di coda dell'inverno: attesa su Torino "la nevicata perfetta"

Una depressione dalla Scandinavia potrebbe portare precipitazioni intense sul Piemonte

E' atteso su Torino e il Piemonte un altro "colpo di coda" dell'inverno che in realtà quest'anno non si è mai manifestato. Sebbene i meteorologi si mantengano ancora cauti, tra lunedì e martedì prossimi, potrebbe verificarsi un'intensa nevicata sulla nostra regione.

Una condizione che, dopo il sabato durante il quale tornerà il sole e una domenica in cui dal pomeriggio è attesa la pioggia, rischia di portare sul capoluogo piemontese e sulle zone pianeggianti, a partire da lunedì notte, un accumulo di neve di una ventina di centimetri.

Un fenomeno, qualora si verificasse, decisamente tardivo e "a sorpresa" in questa stagione invernale insolita, stravolta da alte temperature e scarse precipitazioni, anche se in passato si è già verificato varie volte. Qualcuno ricorderà per esempio la nevicata del 1991 a Torino, del 17 e 18 aprile, quando in città scesero circa 6 cm di neve.

Per avere conferma del fenomeno però - precisa Arpa (Agenzia Regionale per la protezione ambientale) - bisognerà attendere con sicurezza la giornata di domenica, ma l'ondata di maltempo è praticamente certa, anche se resta da vedere come si sposterà la depressione in discesa dalla Scandinavia, per stabilire con esattezza la quota delle nevicate.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento