Meteo

Picco del caldo atteso tra martedì 18 e mercoledì 19 luglio: alto rischio di colpi di calore

È allarme per la salute, soprattutto nei soggetti più fragili

Caronte non molla la presa sull'Italia e il picco del caldo sul Piemonte sarà raggiunto tra oggi, martedì 18 luglio, e domani, quando sulle Alpi occidentali sarà presente una forte ventilazione da ovest che indurrà una compressione delle masse d’aria con ulteriore riscaldamento.  

“Nella giornata di martedì 18 verrà raggiunto il picco di questa ondata di caldo, storica per le regioni del Centro-Sud, ma decisamente intensa anche per le regioni di Nordovest” – precisa Federico Buscemi di 3Bmeteo.com - Verranno raggiunti valori fino a 36-37°C nei centri abitati, con sensazione di disagio dovuta all'afa, per gli elevati tassi di umidità. Da mercoledì le temperature inizieranno a subire una lieve flessione, anche grazie all'aumento dell'instabilità.”

Temperature superiori alla norma

Anche sul territorio piemontese dunque, si verificheranno ancora condizioni di tempo stabile, prevalentemente soleggiato con temperature superiori alla norma, presumibilmente fino a giovedì. 

L'anomalia termica positiva sarà intorno ai 4-5°C; la media delle temperature massime sulle zone pianeggianti sarà sui 32-33°C, con valori di 34°C sull’area urbana di Torino e picchi di 37-38°C sul basso Piemonte.  Le temperature minime in pianura saranno mediamente sui 20-21°C con picchi di 24-25°C quindi superiori alla soglia dei 20°C che individua le notti definite “tropicali”.  Lo zero termico raggiungerà i 4700-4800 m.

Afa e umidità: attenzione ai colpi di calore

Il caldo di questi giorni sarà particolarmente fastidioso e afoso per via dell'umidità che dovrebbe essere intorno all'80% nelle ore notturne e al 40% in quelle diurne, con umidità giornaliera del 60%. Il föhn previsto per mercoledì notte dovrebbe determinare una diminuzione dell’umidità notturna che si attesterà sul 50%. Oggi e domani in particolar modo dunque, attenzione ai colpi di calore, in particolare per i soggetti più sensibili - anziani e bambini - che dovranno adottare comportamenti e precauzioni per difendersi dagli effetti dannosi del caldo. Secondo Arpa, l'HSI (indice sintetito per la misura dello stress da calore), in questi giorni raggiunge il 9.5, ossia il livello 'estremo' menter il livello di attenzione ondeggia tra la 'molta cautela' - che segnala una situazione di disagio con possibile colpo di calore e spossatezza - e il 'pericolo', con grande situazione di disagio. 

Da giovedì, forse, qualcosa cambia

Giovedì le temperature si manterranno ancora su valori elevati ma si avrà un primo leggero calo, in quanto la struttura anticiclonica tenderà ad abbassarsi di latitudine a causa dell’azione di una depressione presente sull’Europa centro-settentrionale.

Una diminuzione più marcata delle temperature è attesa tra venerdì e sabato quando una saccatura atlantica dovrebbe transitare sul Piemonte causando instabilità diffusa.“Locali forti temporali potrebbero colpire il VCO e il Novarese nella notte su venerdì - ha aggiunto Buscemi di 3Bmeteo.com - , con possibili grandinate e colpi di vento, con annesso un deciso calo delle temperature, mentre in giornata potrebbe tornare l'instabilità sui settori alpini e pedemontani. Sono comunque necessarie ulteriori conferme nei prossimi aggiornamenti.”


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picco del caldo atteso tra martedì 18 e mercoledì 19 luglio: alto rischio di colpi di calore
TorinoToday è in caricamento