Meteo

Emergenza caldo a Torino, più di 700 chiamate al centralino del 118

A preoccupare sono anche gli alti livelli di ozono

Sono gli anziani i soggetti più a rischio

C'è stata un'ondata di chiamate ieri, mercoledì 24 luglio, al 118. Dopo quattro giorni di caldo e afa a livelli quasi insopportabili, sono state 740 le persone che si sono rivolte al pronto intervento dopo aver accusato malori o sensazioni di forte disagio. Numeri decisamente superiori alla media giornaliera ma lontani da quelli toccati lo scorso 27 giugno quando, con la prima ondata di caldo africano, le chiamate per richiedere soccorsi furono circa mille. 

Allarme ozono

A rivolgere richieste d'aiuto sono soprattutto gli anziani soli, affetti per lo più da patologie croniche, che con il caldo di questi giorni si sentono particolarmente spossati. Anche l'allarme ozono, lanciato qualche giorno fa dal Comune di Torino, non è ancora cessato: a causa delle elevate temperature si sta infatti ancora verificando il superamento della soglia di attenzione dei livelli .  

La situazione nelle prossime ore

E fino a domani, venerdì 26 luglio, la situazione non è destinata a migliorare. Secondo l'Arpa, Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente, oggi scenderà leggermente, rispetto alla giornata di ieri, l'indice di umidità media giornaliera ma la temperatura massima media salirà di un grado o due, toccando anche quota 37 gradi e innalzando di quasi un punto percentuale l'indice di stress da calore. Per questo motivo le chiamate al 118 potrebbero incrementare proprio tra oggi e domani.  Nel fine settimana sono attesi temporali che dovrebbero portare a un momentaneo abbassamento delle temperature e dell'afa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza caldo a Torino, più di 700 chiamate al centralino del 118

TorinoToday è in caricamento