Ancora pioggia sul Piemonte, allerta gialla e arancione: le previsioni

Le zone interessate

Il Po a Torino intorno alle 15 (Foto di Joseph Marino pubblicata su Centro Meteo Piemonte CMP)

Nonostante alcune pause di qualche ora, il maltempo insisterà probabilmente fino a mercoledì e a tratti le piogge potrebbero risultare anche intense. Arpa ha diffuso l’allerta arancione, con possibilità di limitate esondazioni dei corsi d'acqua, per le valli Valli Susa, Chisone, Pellice e Po. Rimane l’allerta gialla sul resto della regione eccetto il Piemonte orientale (valli Belbo e Bormida, Scrivia, Pianura Settentrionale). 

Dalle 12 di lunedì 5 novembre si segnalano precipitazioni in graduale intensificazione tra Cuneese, Pinerolese e Verbano. Al momento non vi sono particolari criticità, ma occorrerà fare attenzione durante le prossime 24-36 ore.

Centro Meteo Pinerolese, aggiornamento ore 8.25

Il previsto indebolimento delle precipitazioni avutosi nel corso della notte ha favorito un generale miglioramento della situazione sul territorio. I livelli idrometrici dei torrenti principali, dopo essere cresciuti rapidamente tra il pomeriggio e la serata di ieri, risultano ora mediamente stazionari. Un minimo di pressione andrà strutturandosi in giornata sulla Penisola Iberica e, il suo successivo movimento verso l'alto Tirreno, alimenterà nuove precipitazioni diffuse a ridosso delle Alpi piemontesi. Da valutare inoltre, con i prossimi aggiornamenti modellistici, una marcata intensificazione della fenomenologia a partite dalle ore serali.

Le piogge delle ultime 12 ore

E' in fase di esaurimento l’azione della struttura depressionaria localizzata sull’alto Tirreno responsabile delle precipitazioni degli ultimi giorni. Tuttavia si manterranno le condizioni di maltempo sul territorio piemontese in quanto si sta strutturando una circolazione di bassa pressione sulla Spagna destinata ad avanzare verso l’arco alpino nel corso della giornata di domani. Nella notte appena trascorsa sono proseguite le piogge sulla fascia alpina con intensità moderata e quota neve intorno ai 2300 metri. Nelle ultime 12 ore sono caduti 77 mm a Mottarone (VB), 66 a Sambughetto (VB), 57 mm a Camparient (VC), 44 mm a Borgofranco d’Ivrea (TO). Alle 17.30 di domenica 4 novembre è scattato l'allarme di superamento soglia del torrente Pellice a Torre Pellice. Su ordinanza comunale, è stata quindi disposta la chiusura precauzionale del Guado Bertenga.

Sono stati registrati incrementi delle portate dei corsi d’acqua con valori più significativi su Pellice, Orco in provincia di Torino, Sesia nel vercellese e Strona di Omegna nell’Ossola, rimanendo ovunque al di sotto dei livelli di guardia. Nonostante le piogge siano state al più moderate, la quota neve e le piogge pregresse hanno contribuito a formare una piena ordinaria del fiume Po a Carignano (TO) con valori che hanno superato la presoglia ma che sono al di sotto del livello di guardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

Torna su
TorinoToday è in caricamento