Mercoledì, 19 Maggio 2021
Tasse

Come funziona l’otto per mille: se non scegli, scelgono gli altri al posto tuo

Si può scegliere di destinare l’otto per mille di quanto dovuto a chi si vuole fra lo Stato o una istituzione religiosa

Molti dei contribuenti che utilizzano il modello 730 o il modello Redditi P.F. per la dichiarazione dei redditi non esprimono la propria scelta per quanto riguarda l’otto per mille.
Spesso è una distrazione, a volte invece è una scelta consapevole basata sull’errata convinzione che così si evita di pagare un ulteriore otto per mille, aggiuntivo rispetto alle tasse dovute.
Non è così, si pagano comunque le tasse  ma si può scegliere di destinare l’otto per mille di quanto dovuto a chi si vuole fra lo Stato o una istituzione religiosa fra quelle dell’elenco seguente:

  • Stato
  • Chiesa Cattolica
  • Unione delle Chiese cristiana avventiste del 7° giorno
  • Assemblee di Dio in Italia
  • Chiesa valdese
  • Chiesa Evangelica Luterana
  • Unione delle Comunità ebraiche
  • Sacra arcidiocesi ortodossa
  • Chiesa Apostolica
  • Unione cristiana Evangelica Battista
  • Unione Buddista
  • Unione induista

Se non si esprime la propria  preferenza, l’otto per mille delle tasse viene devoluto comunque, non in base alla propria scelta ma proporzionalmente alle scelte espresse, scelgono gli altri per te. 

Meglio non distrarsi quindi,  non illudersi su un risparmio inesistente e scegliere. 

Il cinque per mille 

Si parla sempre del cinque per mille di quanto comunque è dovuto, che possiamo indirizzare a enti di volontariato, ricerca o di interesse sociale. 
Il dichiarante deve indicare il Codice Fiscale dell’ente prescelto fra i numerosissimi possibili beneficiari.  

Il due per mille

Possiamo devolvere il due per mille di quanto dovuto a favore di un partito politico indicandone il codice. 

Sia per il cinque per mille che per il due per mille, differentemente a quanto accade per l’otto per mille, solo gli importi relativi ai contribuenti che hanno espresso la loro scelta andranno come indicato mentre gli importi di chi non ha dato indicazioni resteranno nelle casse dello stato.

I contribuenti che non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi 2019 possono in ogni caso scegliere di destinare il 2, 5 o 8 per mille compilando il modello messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e consegnandolo in busta chiusa entro il 31 ottobre 2019 presso gli uffici postali o ad un intermediario abilitato (Caf, commercialista, ecc).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come funziona l’otto per mille: se non scegli, scelgono gli altri al posto tuo

TorinoToday è in caricamento