menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Come registrarsi all'Agenzia delle Entrate

Tutte le possibilità

La funzione principale dell'Agenzia delle Entrate è la definizione della posizione fiscale e tributaria di una determinata persona fisica o giuridica con il fine di combattere l'evasione fiscale.

Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è possibile dichiarare, versare, registrare, consultare e calcolare, svolgendo tutte queste operazioni risparmiando tempo ed evitando le code negli uffici presenti sul nostro territorio.

Qui di seguito vedremo come ci si può registrare.

1) Carta Nazionale dei Servizi

Se si è in possesso di CNS (Carta nazionale dei Servizi), basta accedere all'Area Riservata nella home page del sito dell'Agenzia delle Entrate e selezionare Accedi a Entratel/Fisconline.

La registrazione al portale e l'accesso ai servizi personalizzati avviene in tutti i casi tramite un codice pin segreto. Lo si può richiedere online cliccando su questo link fornito dall'Agenzia delle Entrate. In questo modo è possibile scegliere il servizio d'interesse tra i due disponibili:

  • registrazione a Fisconline, dedicato a tutti gli italiani, inclusi i contribuenti residenti all'estero, società ed enti che abbiano esigenza di consegnare il modello 770 per un numero non superiore a 20 soggetti e che non siano abilitati ad Entratel.
  • registrazione a Entratel, per chi deve trasmettere per via telematica atti e dichiarazioni, ovvero persone che devono presentare il modello 770 per un numero maggiore a 20 soggetti, per gli intermediari come Caf, professionisti e associazioni di categoria. Il servizio è rivolto anche a Poste Italiane, per la dichiarazioni di propria pertinenza e per quelle trasmesse dai contribuenti tramite sportello, alle società che inviano la documentazione riguardante le società del gruppo di cui fanno parte, alle Amministrazioni dello Stato e, infine, agli intermediari e ai soggetti delegati per la registrazione dei contratti di locazione.

2) App o uffici

Ci si può registrare all'Agenzia delle Entrate scaricando la app.

In alternativa, è possibile richiedere la registrazione a Fisconline anche presso qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate. È sufficiente avere un documento di riconoscimento e compilare l'apposito modulo pdf.

Una volta effettuata la procedura guidata, si riceverà istantaneamente la prima parte del pin. Riguardo la password iniziale e la seconda metà del codice, bisognerà attendere la loro ricezione via posta presso il proprio domicilio. Se invece possedete la Carta Nazionale dei Servizi (CNS), in questo caso si riceve subito sia il codice pin per intero, sia la password iniziale. 

Una volta in possesso del codice PIN, inoltre, potrete sempre:

  • accedere alla “dichiarazione precompilata”;
  • pagare imposte, tasse e contributi;
  • inviare la dichiarazione dei redditi e altri documenti;
  • registrare un contratto di locazione;
  •  verificare la cancellazione dell’ipoteca sul proprio immobile;
  •  accedere al Cassetto fiscale;
  • comunicare le coordinate del proprio conto (bancario o postale) per l’accredito dei rimborsi;
  • ricevere assistenza sulle comunicazioni di irregolarità e cartelle di pagamento (Civis).

Cosa c’è nel Cassetto fiscale?

Se ti sei registrato ai Servizi fiscali online dell’Agenzia, puoi accedere al tuo Cassetto fiscale e consultare:

  •  le dichiarazioni fiscali presentate;
  • i dati catastali dei tuoi immobili;
  •  i versamenti che hai effettuato con i modelli F23 ed F24;
  • gli atti registrati;
  • i dati dei rimborsi;
  •  le informazioni e i dati relativi agli studi di settore.

Cosa puoi fare in rete anche senza il Pin?

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti diverse applicazioni con le quali, senza che sia necessario registrarsi, è possibile:

  •  richiedere il duplicato della tessera sanitaria o del tesserino di codice fiscale;
  •  calcolare il bollo auto e l’addizionale erariale (superbollo), inserendo la targa, i kW o i Cv;
  • verificare la validità di un numero di partita Iva o di un codice fiscale;
  • calcolare gli importi per la tassazione degli atti giudiziari;
  • verificare la regolarità dei contrassegni telematici (sostitutivi delle marche da bollo);
  • controllare la validità delle partite Iva comunitarie (archivio Vies).
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento