rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Green San Donato / Via Livorno

Ricerca e sostenibilità, UniTo e Poli insieme per la creazione di un Polo Nazionale sull'idrogeno

Un accordo per sostenere Regione, Comune e aziende sul territorio

Università e Politecnico insieme per supportare Regione Piemonte e comune di Torino nella realizzazione sul territorio di un Polo Nazionale per la ricerca sull'idrogeno. Le tecnologie legate all’uso dell’idrogeno potranno essere un tassello essenziale per la transizione ecologica, in particolare per la decarbonizzazione dei trasporti e di molti processi produttivi.

E l'accordo di coopetizione fra gli Atenei, che hanno deciso di collaborare in maniera stretta e strutturata, è stato firmato ieri, lunedì 5 luglio, all'Environment Park di via Livorno dal rettore di Unito, Stefano Geuna e il rettore del Poli, Guido Saracco. Erano presenti rappresentanti di alcune delle principali aziende locali.

I progetti degli Atenei 

Con l'occasione sono state presentate le linee di ricerca e innovazione per lo sviluppo delle tecnologie basate sull’idrogeno in atto negli Atenei torinesi, impegnati da molti anni su questo tema. In particolare, sono da tempo in corso studi sulla produzione di idrogeno per elettrolisi dell'acqua, con tecnologie termochimiche e da biomasse. Mediante lo sviluppo di catalizzatori avanzati altamente selettivi, viene studiato l’uso dell'idrogeno per la sintesi di idrocarburi mediante idrogenazione della CO2. 

In ambito geologico, sono in atto ricerche per l’identificazione di siti per lo stoccaggio di grandi quantità di idrogeno. Nell’ambito del progetto HyCARE, coordinato dall’Università di Torino, si sta sviluppando un sistema di stoccaggio di idrogeno basati su idruri, integrato con elettrolizzatori e celle a combustibile. L’idrogeno infatti viene proposto come stabilizzatore di reti elettriche basate sulle energie rinnovabili.

Il sostegno dell'Unione Europea

Un impegno comune già manifesto nei molti progetti finanziati dall’Unione Europea, in particolare attraverso la piattaforma “Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking – FCH JU”, il partenariato pubblico privato a sostegno delle attività di ricerca, sviluppo tecnologico per incrementare soluzioni pulite, efficienti e convenienti che sfruttino il potenziale dell'idrogeno come vettore energetico.

"UniTo e PoliTo insieme rappresentano senza dubbio il volano di competenza, esperienza e creatività che serve per proiettarsi nel futuro - ha detto il rettore Stefano Geuna - . Sul tema dell’idrogeno Unito offre il suo expertise di ricerca avanzata per migliorare l’integrazione tra sapere e sviluppo. La nascita di un Polo nazionale di Ricerca per l’Idrogeno rappresenterebbe un altro importante tassello strategico per la crescita di Città e Regione, sempre più orientate ai temi della sostenibilità e della transizione energetica, con l’intento di favorire una sempre più strutturata interazione tra enti di ricerca e settori produttivi”.

Soddisfatto dell'accordo anche Guido Saracco, rettore del Politecnico: "Nella ricerca sull'idrogeno il nostro Ateneo è impegnato in numerosi progetti nazionali e internazionali e si contraddistingue l’attività dei nostri laboratori, più recentemente anche nei nuovi spazi di Environment Park. Ma la grande forza che un Polo nazionale di Ricerca sull’Idrogeno potrebbe avere è data proprio dalla capacità che le nostre istituzioni stanno dimostrando di avere nel lavorare insieme in modo complementare su queste tematiche complesse

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricerca e sostenibilità, UniTo e Poli insieme per la creazione di un Polo Nazionale sull'idrogeno

TorinoToday è in caricamento