Smog, Torino è la città europea più inquinata da biossido di azoto

Anche l'Italia, tra i paesi, è in cima alla classifica

L'Agenzia Europe per l'ambiente rivela, con il rapporto sulla qualità dell'aria, che l'Italia è il primo Paese in Europa per morti premature da biossido di azoto (No2) con circa 14.600 vittime all'anno. Mentre per il particolato fine PM2,5  il nostro paese è secondo con 58.600 morti, dietro alla Germania, in testa con 59.600 morti.

Un triste primato

In questa triste classifica, Torino insieme a Londra e Parigi risulta essere la città europea più inquinata da NO2. Ma la situazione nel nostro paese è realmente preoccupante a detta degli esperti. In Pianura Padana i limiti giornalieri di particolato vengono regolarmente superati. I valori sono stati giudicati irregolari in 16 delle 27 centraline esaminate.

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha commentato il triste primato della sua città su Facebook, ricordando le azioni della sua Giunta per tentare di arginare il problema dell'inquinamento: dalle azioni sulla mobilità alla realizzazione di nuove piste ciclabili, dalla piantumazione di nuovi alberi all'acquisto di nuovi autobus non inquinanti:

"Le istituzioni devono lavorare tutte nella stessa direzione - ha poi concluso - . Io spero davvero che ognuno di noi - nelle sue possibilità - possa fare la sua parte. Se anche una sola persona preferirà la bicicletta o i mezzi pubblici all'auto privata, sarà un passo in avanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Europa 

In Europa, complessivamente, lo smog è responsabile di 372 mila decessi prematuri, in calo dai 391 mila del 2015. Come nel quadro generale europeo, i dati indicano un miglioramento anche per l'Italia rispetto al 2015, quando l'Eea stimava i decessi prematuri per il biossido di azoto, cioè l’NO2, nel nostro paese, a 20 mila unità. Le rilevazioni più recenti, datate 2017, vedono le concentrazioni di polveri sottili (PM2,5) più elevate in Italia e sei paesi dell'est (Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Polonia, Romania e Slovacchia).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Violento acquazzone su mezza provincia: alberi caduti, allagamenti e ferrovia interrotta

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Colpo della dea bendata: il Superenalotto premia un giocatore con 37mila euro

  • Morte di Viviana Parisi, l'arrivo dei genitori da Torino e dei fratelli: martedì l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento