menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nichelino, città amica degli animali, aderisce alla campagna "Taglia l'elastico" alla mascherina (prima di gettarla via)

Uccelli e gatti rischiano di rimanervi impigliati e andare in sofferenza

Nichelino si conferma città amica degli animali. Lo fa, fra le tante iniziative, aderendo alla campagna "Taglia l'elastico" prima di gettare la mascherina nei rifiuti. Un'operazione banale che in realtà permette di evitare lesioni permanenti agli animali. Sono soprattutto gli uccelli e i gatti a restare impigliati, con il becco o con le zampe, negli elastici delle mascherine abbandonate nell'ambiente. Un po' come accade per le tartarughe marine che rimangono impigliate nella plastica abbandonata in mare, in alcuni casi crescendovi dentro con gravissime conseguenze per l'organismo. 

E' anche bene ricordare che la mascherina non va gettata per strada, ma smaltita correttamente tra i rifiuti indifferenziati. In ogni caso, tagliare l'elastico è un'attenzione in più verso quegli animali che possono correre il pericolo di rimanervi impigliati. "Smaltire nel modo opportuno le mascherine - affermano il sindaco di Nichelino Giampiero Tolardo, l'assessore alle Politiche animaliste Fiodor Verzola e l'assessore all'Ambiente Valentina Cera - e tagliare gli elastici è un piccolo grande gesto di rispetto che ognuno di noi può compiere per evitare danni alla natura e agli animali". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lady Dybala si annoia all'ombra della Mole: "A Torino non c'è molto da fare"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento