RepAir, è "made in Torino" la maglietta che ripulisce l'aria dall'inquinamento

Un brevetto unico al mondo

Si chiama RepAir, è una t-shirt ma anche un prodotto rivoluzionario per l'ambiente, perché purifica l'aria intorno a chi la indossa. Ed è 100% un prodotto piemontese, con base a Torino. È di due ragazzi piemontesi, infatti, l’intuizione innovativa che dà vita a una t-shirt in grado di pulire l’aria intorno a chi la indossa grazie all’utilizzo di un materiale brevettato: la nuova frontiera della moda sostenibile dove chiunque può dare il suo piccolo contributo concreto per migliorare l’ambiente. "È sharing ecology" dicono gli ideatori.

RepAir_nera fronte-2

"Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria?" Questa la domanda da cui è nata Kloters, start up di moda maschile. La risposta è RepAir, una maglia unisex in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto di "the Breath®", un materiale brevettato dalla società Anemotech srl e testato secondo standard UNI 11247, ISO 16000-9 e test ANSI/AHAMAC-1-2015, in grado di neutralizzare le sostanze inquinanti, batteri e anche cattivi odori.

Un’intuizione vincente e innovativa nata dall’amore e rispetto verso la natura che contraddistingue i fondatori del brand, Marco Lo Greco e Silvio Perucca. Due ragazzi piemontesi che hanno scelto Torino come sede operativa del marchio e città dove inaugurare il loro primo monomarca, a cui si è aggiunto anche Federico Suria che ha fatto di Torino la sua città d’adozione.

Come funziona la maglietta che purifica l'aria

Il tessuto the Breath® funziona disgregando e catturando le molecole inquinanti presenti nell’atmosfera. Gli studi e i test di laboratorio condotti dall’Università Politecnica delle Marche, svolti secondo standard internazionali, hanno dimostrato la capacità di assorbimento di the Breath®. Dati certi, che sono stati validati impiegando il materiale brevettato nell’arredamento di interni e per banner pubblicitari esterni. RepAir porta per la prima volta questa soluzione nel campo della moda proponendo una soluzione concreta al problema dell’inquinamento atmosferico: ogni t-shirt RepAir, infatti, è in grado di neutralizzare le sostanze inquinanti (Nox e COV) prodotte da due automobili.

"Chiunque può contribuire a pulire l’ambiente in modo attivo, senza sforzo, solamente indossando una t-shirt. Un’azione quotidiana, semplice e necessaria diventa un vero e proprio atto ecologico. Più persone indossano RepAir più l’ambiente ne beneficia. È sharing ecology" dicono ancora gli ideatori di RepAir.

RepAir3-2

La tshirt incorpora un inserto di the Breath® all’interno di una tasca. Grazie alla speciale tecnologia commercializzata da Anemotech, la maglia  "lavora" a impatto zero e non necessita di essere attivata o alimentata da fonti energetiche esterne. Il sistema the Breath®, infatti, è composto da due strati esterni stampabili, in tessuto idrorepellente con proprietà battericide, antimuffa e anti-odore e uno intermedio in fibra adsorbente carbonica additivata da nano molecole, capace di assorbire, separare, trattenere e disgregare le micro particelle inquinanti presenti nell’atmosfera.

RepAir sarà disponibile nei negozi e sul sito www.kloters.com a partire da Giugno 2018. A maggio sarà lanciata una campagna crowdfunding su Kickstarter dove sarà possibile acquistare il prodotto in anteprima a un prezzo di lancio. Maggiori informazioni su RepAir e sul suo lancio sono disponibili su repair.kloters.com.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento