Green

Da Collegno parte il "Parklet Tour": arrivano gli spazi 'tattici' a disposizione dei cittadini

Al posto dei parcheggi per le auto

E' partito ieri, lunedì 3 maggio, a Collegno il Parklet Tour, un viaggio in dieci comuni della Zona Ovest di Torino in cui per due settimane ciascuno sarà installato un “parklet”, un’installazione di urbanismo tattico già in uso in città come Londra e San Francisco che crea spazi pubblici al posto delle auto.

Il parklet è uno spazio che si mette a disposizione dei cittadini che usano la strada ed è solitamente installato su corsie di parcheggio, utilizzando diversi posti auto estendendosi in genere dal livello del marciapiede fino alla larghezza del parcheggio adiacente. E' una vera e propria estensione dell’area pedonale pensata per le persone, offre un posto dove fermarsi, sedersi e riposare mentre si svolgono varie attività. I cittadini potranno anche condividere sui social le foto scattate in questo salotto urbano con l'hashtag #ParkleTour. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Vivo “Via le Vetture dalla zona Ovest”, il progetto dei Comuni del quadrante ovest finanziato dal Ministero della Transizione ecologica nell'ambito del Programma nazionale sperimentale per la mobilità sostenibile che vede la Città di Collegno capofila.

"È un esperimento che serve per promuovere una riflessione sul valore dello spazio stradale nei nostri comuni - ha commentato il sindaco di Collegno, Francesco Casciano -, in prevalenza dedicato alle auto che però rimangono ferme e inutilizzate per il 95% della loro vita. Oggi più che mai abbiamo capito quanto sia importante lo spazio pubblico per tutti e il posto liberato dalle vetture ci aiuta a cambiare i nostri paradigmi vecchi e sorpassati da nuove esigenze". Il Parklet è temporaneo e sarà in tour per la Zona Ovest di Torino toccando anche i comuni di Alpignano, Buttigliera Alta, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, Venaria Reale, Villarbasse, tornando poi a Collegno su corso Francia in zona Borgata Paradiso.

Soddisfatto l'assessore alla Mobilità di Collegno, Gianluca Treccarichi: "Crediamo molto in sperimentazioni come questa che proiettano Collegno e tutto il territorio in una dimensione più europea e internazionale. Una pratica innovativa che cavalca uno dei temi fondamentali alla base della transizione ecologica, cioè ripensare radicalmente il modo in cui fruiamo dello spazio e ci muoviamo, e per il quale ringrazio il lavoro di coordinamento del Patto Territoriale Zona Ovest e quello degli uffici Mobilità del Comune di Collegno".

Meno spazio alle auto e più spazio alla vita e alla voglia di riappropriarsi di aree pubbliche per la sostenibilità umana, sociale e ambientale dunque. "Le piogge acide, l’effetto serra, il cambiamento climatico in corso, l’inquinamento crescente, nonostante le limitazioni della pandemia - ha commentato il presidente del Patto Territoriale, Ezio Bertolotto -, ci dicono che non si possono più rimandare scelte dirette per limitare le emissioni di CO2. Questa azione si inserisce all’interno delle iniziative che il Patto Territoriale ha attuato, per conto dei Comuni della Zona Ovest, tese a sensibilizzare la cittadinanza su queste problematiche e sulla urgente necessità di ridurre l’uso dell’auto e valersi di una mobilità sostenibile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Collegno parte il "Parklet Tour": arrivano gli spazi 'tattici' a disposizione dei cittadini

TorinoToday è in caricamento