Covid-19, UniTo-Go: la comunità di Unito cambierà modo di muoversi a causa della pandemia

Lo studio

ph. D'Ottavio

I volumi di traffico rimangono più bassi data la limitata attività didattica in corso presso le sedi dell’Ateneo, ma il trasporto pubblico cede quote di mobilità, anche a favore dell’auto privata. Lo confermano i dati di una ricerca di UniTO-GO che ha analizzato il comportamento di un campione rappresentativo della popolazione accademica dell’Università di Torino. 

Sono stati presentati giovedì 8 ottobre i risultati locali del report “Indagine nazionale sulla mobilità casa-università al tempo del Covid-19”, realizzato dalla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS), che ha analizzato il comportamento di 85.000 persone rappresentative della popolazione accademica. L’indagine, avviata lo scorso luglio, si è basata su un questionario somministrato online agli studenti, ai docenti e al personale tecnico-amministrativo di 51 atenei italiani. Due gli scenari ipotizzati nel questionario: il virus è pressoché debellato e i contagi sono ridotti; il virus è ancora pericoloso, il contagio è rallentato ma prosegue. Purtroppo il più attuale.

Covid-19, la pandemia cambia il modo di muoversi: lo studio di Unito

Il Gruppo Mobilità di UniTO-GO (Unito GreenOffice), la struttura di coordinamento e progetto sulle politiche di sostenibilità ambientale dell’Università di Torino, ha analizzato le risposte di un campione di 8655 persone rappresentativo della popolazione accademica di UniTo e composto per il 70% da studenti, il 16% da docenti o ricercatori e il 14% da personale-tecnico-amministrativo. 

Secondo i dati del rapporto, in uno scenario ad alto rischio sanitario, purtroppo quello più attuale, il 33,7% degli intervistati prevede di cambiare il modo di spostarsi da casa verso una sede universitaria. I cambiamenti più significativi si avranno tra gli utenti del trasporto collettivo. Nello scenario più critico, purtroppo quello più attuale, circa il 21% degli utenti del trasporto pubblico cambierà scelta modale, dividendosi in quote pressoché equivalenti tra chi passerà all’auto propria (11,2%) e chi alla mobilità attiva, bicicletta o a piedi, (9,8%.). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Luca Argentero furioso con i settimanali Chi e Oggi: sulle loro pagine le foto della figlia, senza permesso

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento