Sabato, 23 Ottobre 2021
mobilità Venaria Reale / Viale Roma

Partono i lavori per il Movicentro: una stazione nuova e parcheggi per auto, moto e bici

Cosa prevede il progetto

Entro un anno, salvo problemi, Venaria avrà il suo Movicentro, il punto di interscambio auto-ferrovia, che sorgerà in viale Roma, a pochi metri dalla stazione ferroviaria della linea "Sfma" Torino-Aeroporto-Ceres.

Poi, con la giunta comunale guidata dal sindaco Roberto Falcone, il progetto è tornato in auge anche se modificato rispetto a quello precedente, in un'ottica di consumo zero del territorio, una delle priorità di una amministrazione comunale a 5 Stelle. 

"Abbiamo deciso di non consumare suolo - precisa l'assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Roccasalva - visto che il progetto precedente prevedeva un edificio multipiano che avrebbe intaccato l'area limitrofa al parco di Corona Verde, uno dei nostri più importanti polmoni verdi. Poi, con una grande opera di convincimento, siamo riusciti a mantenere lo stesso il finanziamento regionale, fondamentale per l'esecuzione dell'opera stessa".

Il Movicentro avrà un costo di 4,9 milioni di euro con attori protagonisti la Città di Venaria Reale quale stazione appaltante, la Regione - proprietaria delle aree - Gtt in qualità di concessionario della ferrovia e il "Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica". 

Ma cosa prevede il progetto? In primis un "bosco parcheggio", con 70 posti auto, di cui 10 a disposizione per le auto elettriche. E, in seconda battuta, una piattaforma di interscambio sul viale Roma per i mezzi pubblici, compresi gli autobus per i lavoratori delle industrie venariesi e il trenino che porta i visitatori al parco regionale de La Mandria. Inoltre sono previsti anche altri 50 parcheggi "a raso".

Poi toccherà al restyling della stazione e la realizzazione di uno spiazzo, mantenendo i passaggi per il raggiungimento delle banchine ferroviarie coperte con pensiline e il collegamento diretto - con ascensore e scale - al nuovo parcheggio, dove sarà riservato anche un passaggio per le biciclette, oltre ad un punto accoglienza, punto ristoro, edicola ed altri servizi. 

E saranno previsti anche 13 posti per il car sharing e 6 per taxi e veicoli per i diversamente abili, oltre al "Bikebox" con 50 spazi per le biciclette, 25 per moto, scooter e motorini e 40 dedicati al bike sharing, di cui 20 per la pedalata assistita.

"Un parcheggio di interscambio vuol dire meno auto a favore di una mobilità sostenibile e quindi meno inquinamento. La scelta di non consumare suolo e ridurre i posti auto sposa coerentemente tutte le posizioni che Venaria Reale ha difeso sul tema della qualità dell’aria e che finalmente è arrivata sul piano nazionale", precisa l'assessore all'Ambiente, Marco Allasia.

È compreso nei lavori, anche un ampliamento di viale Roma, per quanto riguarda la sezione stradale, per permettere la sosta e la manovra degli autobus e la connessione con la rete delle piste ciclabili che collegano la stazione dei treni Gtt al parco della Corona Verde, alla Reggia e al parco La Mandria.

"Il Movicentro diventa una fondamentale struttura per rilanciare la città e il turismo e la Reggia stessa. Ma anche per migliorare i collegamenti da e per le Valli di Lanzo e da e per il centro di Torino. Per questo riqualificheremo anche la passerella sulla ferrovia di via Filzi e realizzeremo una nuova rotonda in viale Roma angolo via Filzi, che permetterà agli autobus di linea di poter fare manovra, agevolando la viabilità. il Movicentro non sarà un pluripiano in cemento che consuma suolo, come era previsto all'inizio, ma sarà un parcheggio verde interamente votato alla sostenibilità ambientale", spiegano il sindaco Roberto Falcone e l'assessore Roccasalva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partono i lavori per il Movicentro: una stazione nuova e parcheggi per auto, moto e bici

TorinoToday è in caricamento