life

Last minute sotto casa, ecco l'app che unisce commercianti e consumatori

La app dona la possibilità ai consumer di indicare a che distanza vogliono ricevere le proposte in tempo reale e da quali tipologie di negozio

L’idea è semplice e, forse proprio per questo, incontra grande interesse: combattere lo spreco alimentare ponendo in relazione i commercianti con prodotti alimentari in eccedenza e i clienti a due passi da essi. Sulla base di questa semplice intuizione due innovatori torinesi - Francesco Ardito e Massimo Ivul - hanno creato il portale www.LastMinuteSottoCasa.it (Lmsc).

Lmsc, nata all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino, da piattaforma desktop è diventata un’apprezzata App che propone una formula originale di marketing di prossimità. Gli esercenti con prodotti alimentari in eccedenza informano con immediatezza e semplicità i consumatori che si trovano nelle vicinanze, i quali possono approfittare della promozione “last minute” in corso.

La app (e il portale) danno la possibilità ai consumer di indicare a che distanza vogliono ricevere le proposte in tempo reale e da quali tipologie di negozio, ricevendo così solo offerte specifiche “sotto-casa”.  E’ questa la filosofia vincente di Last Minute Sotto casa: concreti vantaggi commerciali ai negozianti, ai quali si aprono nuove prospettive economiche grazie all’accesso di nuovi clienti e risparmio quotidiano per questi ultimi, che possono acquistare prodotti sempre freschi negli esercizi vicino casa.

 “Il progetto Torino Smart City fa della sostenibilità la sua chiave di volta – afferma il sindaco della Città di Torino, Piero Fassino –, e la possibilità di ridurre lo spreco alimentare con il semplice ausilio di un'app è un chiaro esempio di cosa intendiamo per smart city. Un'idea semplice che qui è nata e si è rafforzata sperimentandosi sul campo e che si appresta ad affermarsi in molte altre città, grazie al terreno fertile offerto dalla sinergia tra sistema formativo, imprese e istituzioni che Torino ha saputo concretizzare”.

“L’innovazione sta proprio nel tipo di utilizzo che viene fatto della tecnologia – sottolinea Enzo Lavolta, assessore all’Ambiente, all’Innovazione e Smart City della Città di Torino -. Una innovazione che consente, da un lato un’evoluzione digitale dei piccoli esercizi commerciali di prossimità che altrimenti rimarrebbero schiacciati dalla forza di promozione sul web della grande distribuzione organizzata e permette, dall’altro, di far tornare nel negozio il consumatore, sempre più abituato all’acquisto online. Last minute sotto casa è una startup in rapida ascesa frutto d'ingegno tutto torinese che evidenzia come la nostra città sia spazio aperto e accogliente per l'innovazione, dove è possibile sperimentare nuove idee e trovare la spinta giusta per emergere.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Last minute sotto casa, ecco l'app che unisce commercianti e consumatori

TorinoToday è in caricamento