Rivalta, al via i lavori per la realizzazione della pista ciclabile

Ativa sta valutando di alzare le sbarre del casello di Beinasco per tutta la durata dei lavori

Al via i lavori, lunedì 3 agosto, per la realizzazione della pista ciclabile che collegherà Rivalta Centro e il quartiere di Pasta con la futura stazione ferroviaria del San Luigi e il vicino polo ospedaliero.

Per permettere lo svolgimento dei lavori sarà necessario chiudere al traffico fino a venerdì 11 settembre il tratto di raccordo della SP6 tra via Aleramo a Pasta e la grande rotonda di via San Luigi.

Inoltre la Città di Rivalta sostiene la richiesta che Città Metropolitana di Torino, su particolare iniziativa del consigliere delegato Fabio Bianco, ha rivolto nei giorni scorsi ad Ativa SpA affinché alzi le sbarre del casello di Beinasco e tenga aperta la barriera per tutta la durata dei lavori.

"Ativa SpA – ha dichiarato il sindaco di Rivalta, Nicola De Ruggiero – è partecipata al 18% proprio da Città Metropolitana di Torino e un gesto di attenzione verso il territorio e i contribuenti da parte di chi Ativa amministra sarebbe auspicabile. Anche in ragione di un indebito arricchimento che la società di gestione ha percepito in questi anni di regime di proroga, come dichiarato dallo stesso ministero delle Infrastrutture. Ora - conclude il primo cittadino di Rivalta - attendiamo fiduciosi la risposta di Ativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento