"Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

Il singolare flash mob per dire no agli investimenti in combustibili fossili: "Il nostro pianeta sta morendo"

Una manifestazione singolare quella che si è svolta questa mattina, lunedì 29 giugno, davanti al grattacielo di corso Inghilterra. Gli attivisti di Extinction Rebellion Torino si sono spogliati contro gli investimenti "sporchi" di Intesa SanPaolo, seguendo la metafora del Re Nudo.

"La banca torinese ha investito quasi 12 miliardi di dollari in combustibili fossili, continuando a finanziare progetti e aziende legate all’industria del petrolio, carbone e gas naturale - dicono gli attivisti al megafono - e questo, nonostante la drammatica situazione della crisi climatica che tutto il mondo sta vivendo".

Il corteo, fra canti e slogan, per le vie della città era guidato da una grande testa di cartapesta, con la corona reale e con un mantello verde di circa 15 metri su cui sono stati stampati gli impegni alla sostenibilità che Intesa Sanpaolo continua a rivendicare su tutte le sue piattaforme. Una volta davanti al grattacielo, in quindici si sono spogliati presidiando l’entrata dell'edificio. Sui loro corpi nudi sono stati scritti gli investimenti sporchi che Intesa Sanpaolo ha portato avanti negli ultimi 5 anni.

Sui cartelli le scritte “Intesa è nuda” e “Intesa si veste di parole vuote”. Un'azione questa che fa il paio con quelle dell'11 giugno scorso e che rientra in "Bail out the planet", una serie di iniziative per sensibilizzare sugli investimenti combustioni fossili che continuano ad aumentare nonostante la grave situazione climatica. 

Durante il presidio alcuni attivisti sono entrati dentro il grattacielo con l’obiettivo di consegnare simbolicamente un documento scientifico ad un delegato della banca. Dopo oltre un’ora di presidio, gli attivisti hanno simbolicamente legato i loro corpi l’un l’altro tramite “il mantello verde di Intesa Sanpaolo” per poi cadere a terra in un die-in finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento