energia

Energie rinnovabili, il Piemonte una delle regioni con più fotovoltaico

Nel campo delle energie alternative il Piemonte è tra le più all'avanguardia, soprattutto per quanto riguarda l'installazione di impianti fotovoltaici

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Il Piemonte chiude al decimo posto nella classifica di Evoluzione Academy, società di formazione che organizza i corsi di NWG S.p.A., leader in Italia nella fornitura di impianti fotovoltaici di taglio domestico. Su 30mila italiani che nel 2010 hanno partecipato ai seminari e ai corsi di formazione per intraprendere una carriera lavorativa nell’ambito delle energie rinnovabili, 725 provengono dal Piemonte, che si colloca al decimo posto della graduatoria, precedendo il Veneto. Alessandria con 400 iscritti guida la classifica, seguono Novara (237), Torino (54), Asti (13), Vercelli (9), Verbano-Cussio-Ossola (7), Biella (3), e Cuneo (3). Numeri piccoli, ma molto significativi, che fanno ben sperare per il futuro. Soprattutto se si considera che il Piemonte, nel settore fotovoltaico, si segnala tra le regioni più attive in assoluto con oltre 18.000 impianti installati (dati Atlasole).

Un mercato, dunque, estremamente promettente che avrà sempre più bisogno di figure professionali come quelle formate da Evoluzione Academy. Il Piemonte in tal senso offre un quadro molto fecondo, specialmente per quel che riguarda la presenza di impianti con classe di potenza compresa tra 1 e 20 kw. Ad Alessandria se ne contano 1.621, a Novara 1.375, a Torino 5.614, ad Asti 1.299, a Vercelli 721, a Verbano-Cussio-Ossola 351, a Biella 718, a Cuneo 3.907 (dati Atlasole). Tali numeri rendono pertanto necessario uno sviluppo ancora più importante della formazione nel fotovoltaico ed è per questo che Evoluzione Academy ha come obiettivo di incrementare sensibilmente il numero di iscritti ai corsi. Il mercato del lavoro delle rinnovabili è del resto un settore ad alta potenzialità destinato a passare dai 100mila addetti di oggi ai 250mila previsti per il 2020, secondo lo studio “Energia e Lavoro Sostenibile” dell’IRES (Istituto di Ricerche Economiche e Sociali). In tale scenario, la formazione rivestirà un elemento fondamentale per lo sviluppo del settore.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energie rinnovabili, il Piemonte una delle regioni con più fotovoltaico

TorinoToday è in caricamento