Mancheranno 100.000 laureati: avremo (decisamente) pochi ingegneri, medici, architetti

Lo conferma il rapporto di Unioncamere

immagine di repertorio

I dati dell'ultimo rapporto Excelsior sui fabbisogni occupazionali 2019-2023 di Unioncamere fotografano una situazione critica per il nostro Paese.

Nei prossimi 5 anni, infatti, mancheranno 100 mila laureati e questo causerà un elevato disallineamento tra i percorsi di studio scelti dai giovani e le richieste del mercato del lavoro.

Mancheranno ingegneri, medici, architetti, manager, scienziati e statistici. Sono in forte calo anche i laureati in giurisprudenza, una facoltà che negli ultimi dieci anni ha visto un calo delle immatricolazioni che sfiora il 40%.

Ci saranno, invece, troppi laureati nelle discipline politico-sociali, umanistiche e psicologiche.

Lo studio di Unioncamere è una conferma degli studi recentemente pubblicati da JpMorgan e dall'Università Bocconi. Entrambi assegnano all'Italia il terzo posto al mondo (dopo Corea del Sud e la Gran Bretagna) nella classifica dei Paesi con il maggior disallineamento tra i titoli di studio richiesti dal mercato del lavoro e le facoltà scelte dagli studenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tecnico elettrico: 600 ore corso specializzazione gratuito (con stage) per disoccupati diplomati

  • Corso gratuito (finalizzato all’inserimento lavorativo) per addetto alla lavorazione dei salumi

  • Migliori licei classici d'Italia: il Piemonte sale sul podio

  • Ultimi posti, corso di inglese base (gratuito) in partenza

  • Le lauree migliori per trovare lavoro nel 2020: i primi dati

  • Wedding planner: l'organizzatore di matrimoni che aiuta (in tutto) gli sposi

Torna su
TorinoToday è in caricamento