Resilienza dei territori e gestione integrata dei rischi, il nuovo master del Poli: aperte le iscrizioni

Per rispondere alle sfide del presente

Nel pieno della pandemia di Covid-19, che chiede di ripensare le modalità di governo del mondo globale, la resilienza dei territori agli impatti ambientali e alle sfide socio-economiche della transizione in atto “è tema di frontiera per le decisioni politico-istituzionali che richiedono nuove competenze e tecniche nel solco degli accordi internazionali siglati dal nostro governo.”

Il Politecnico di Torino, proprio per dare una risposta alle richieste di formazione su questo tema, ha deciso di attivare per l’Anno Accademico 2020/21 un nuovo corso presso la sua Scuola di Master dal titolo “Metodi e tecniche per il governo di territori resilienti. Verso la gestione integrata dei rischi”.

Il corso punta a fornire conoscenze teoriche e strumenti operativi su diversi aspetti collegati tra loro nel tema del governo di sistemi territoriali resilienti. Il Master si occuperà di:

  • pianificazione;
  • obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite;
  • valutazione ambientale strategica;
  • rapporto con i Beni Culturali;
  • rischio sismico;
  • idrogeologico e industriale;
  • edilizia;
  • progettazione ambientale e del patrimonio;
  • partecipazione sociale;
  • creazione di comunità energetiche;
  • comunicazione della resilienza;
  • open data e monitoraggio del territorio. 

Ci sarà anche un focus specifico sulla comunicazione della resilienza anche attraverso i social media.

Master Politecnico di Torino, resilienza dei territori e gestione integrata dei rischi: i requisiti e le iscrizioni

Il Master è un corso di secondo livello - rivolto a studenti e tecnici che abbiano conseguito la laurea magistrale in:

  •  Ingegneria;
  •  Architettura;
  •  Pianificazione Territoriale;
  •  Scienze Agrarie;
  • Scienze Ambientali;
  • Scienze Biologiche;
  • Scienze Forestali;
  • Scienze Geologiche;
  • Scienze Naturali;
  • Scienze Fisiche;
  • Scienze Economiche;
  • Scienze Giuridiche.

Il Master si pone in linea con i contenuti delle strategie internazionali per lo sviluppo sostenibile e per l'adattamento ai cambiamenti climatici e forma esperti in pianificazione, gestione del progetto di territori resilienti.

Gli esperti formati da questo corso saranno in grado di utilizzare i principali metodi, tecniche e strumenti per la gestione adattiva, integrata ed evolutiva del territorio di fronte ai rischi e alle sfide esterne causate da cambiamenti ambientali, ecologici, economici e sociali.

Avrà un numero massimo di 25 partecipanti e si svolgerà da novembre 2020 a giugno 2021, per un totale di 380 ore di lezione e 325 ore di tirocinio presso enti e aziende del settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La descrizione dettagliata del corso e il programma didattico sono disponibili al seguente indirizzo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola, le nuove disposizioni per la gestione dei casi di alunni covid positivi

  • Gli studenti IED vincono la sfida: il vecchio edificio storico diventa una nuova casa per tutti

  • Almalaurea a Torino, le aziende cercano laureandi e neolaureati: i colloqui

  • Unito, come ottenere (gratis e online) il calcolo ISEE

  • ‘Igiene insieme’, 133 scuole aderiscono al progetto: iscrizioni aperte

  • Unito lancia il primo master in Italia sull'approccio integrato mente e corpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento