Unito, il primo ateneo in Italia a prendersi cura della salute di dipendenti e docenti

Con il progetto Wellness@Work

Test rapidi e affidabili al personale qualificato dell'Ateneo per misurare la composizione corporea, le capacità fisiche, le abitudini nutrizionali e altri elementi fondamentali per il benessere.

Unito, grazie al progetto Wellness@Work, presentato oggi presso l’Aula Magna della Cavallerizza Reale in Via Verdi 9, diventa il primo Ateneo in Italia che si prende cura della salute di dipendenti e docenti.

Il progetto, realizzato in collaborazione con il Centro Servizi SUISM, i gruppi di ricerca Funzione Neuromuscolare e Antropologia, Antropometria ed Ergonomia e la Direzione Integrazione e Monitoraggio, permette di individuare precocemente problematiche di sovrappeso, alimentazione scorretta, disidratazione e contrastarne la progressione.

Nel Palazzo del Rettorato, in Via Verdi 8  e in futuro presso altre sedi, è stata allestita una sala dove docenti, ricercatori, personale tecnico amministrativo, assegnisti e dottorandi potranno valutare il proprio stato di forma fisica rispetto alle abitudini alimentari ed alle abilità motorie. Attraverso una serie di questionari e test riceveranno da nutrizionisti di UniTo informazioni personalizzate per aumentare l’adesione alla dieta mediterranea, mentre lo stato di forma fisica sarà riassunto da un indice chiamato Physical Capacity score.

Unito, il progetto Wellness@Work: cosa misura il Physical Capacity Score

Il Physical Capacity score è come una fotografia che quantifica lo stato di forma tramite la valutazione di sei parametri:

  •  forza della mano e delle gambe;
  •  flessibilità;
  •  equilibrio;
  •  fitness cardiovascolare;
  •  capacità di movimento fine delle dita.

 Produce quindi un punteggio composito soppesato in base all’età e al genere della persona.

I test, della durata complessiva di 1 ora e prenotabili on line, partiranno dal 19 ottobre.

Gli interessati dovranno compilare alcuni brevi questionari, relativi ai dati sociodemografici, di salute e stili di vita.

Al termine delle valutazioni saranno fornite indicazioni personalizzate per poter modificare il proprio stile di vita migliorando così i risultati ottenuti. A tal fine, l’intera batteria di test potrà essere ripetuta ogni quattro mesi così da poter apprezzare i cambiamenti nel tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come aumentare le proprie competenze digitali: corsi gratuiti online e certificazioni

  • Amazon Campus Challenge: Unito sul podio degli atenei più rappresentati per numero di adesioni degli studenti

  • Maturità 2021: sulla Rai i consigli de "la banda dei fuoriclasse" per affrontare l'Esame di Stato

  • Al via il 'Salone dello Studente del Nord': informazione e orientamento post-diploma con un focus sulla maturità

Torna su
TorinoToday è in caricamento