Torino, trovata la soluzione alla gita di classe: studenti connessi per l'esperienza virtuale

Grazie alla collaborazione tra il Comune e Microsoft, studenti e insegnanti sono collegati in videoconferenza

Torino City Lab, laboratorio di innovazione aperto e diffuso della Città di Torino e Microsoft Italia trasformano la gita di fine anno delle scuole in una visita completamente virtuale: attraverso ‘Skype in the Classroom’, la piattaforma digitale di Microsoft che, facendo leva sullo strumento della videochiamata, è in grado di mettere in contatto esperti di tutto il mondo con studenti e insegnanti.

Sono già numerose le realtà locali che hanno aderito al progetto e che sono pronte ad accogliere virtualmente le classi di tutta Italia: prima fra tutte, gli Orti Generali, che offrono già da diverse settimane percorsi e didattica a distanza ad hoc per scuole primarie e secondarie di primo grado.

Inoltre sarà possibile organizzare visite anche nelle strutture di Fondazione Torino Musei (Palazzo Madama, Mao-Museo di Arte Orientale e Gam-Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea) e al Museo Nazionale del Cinema. 

Gita virtuale di fine anno: come funziona

Con una semplice connessione Internet, studenti e insegnanti possono infatti collegarsi in videoconferenza, tramite Teams, con un esperto per imparare, interagire e condividere contenuti e attività didattiche, vivendo un’esperienza di scambio e dialogo all’avanguardia, in attesa di poter tornare realmente a vivere e toccare con mano quanto visto su schermo, non appena sarà possibile. Alla pagina web dedicata le classi hanno la possibilità di fare richiesta e prenotare una visita.

“È evidente che, in tempi di normalità, una visita virtuale non può mai sostituirsi a un momento formativo così importante come quello della gita scolastica di fine anno ma, in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo, può senz’altro contribuire a garantire continuità nel percorso di studi dei nostri ragazzi, integrandosi con la didattica a distanza intrapresa dalle scuole in tutta Italia. In questo momento di crisi sanitaria docenti e dirigenti scolastici in tutto il Paese hanno compreso i vantaggi del digitale: dobbiamo fare tesoro di quanto imparato in questi mesi per gettare le basi di una didattica che potrà risultare efficace anche a emergenza finita. La contaminazione tra fisico e digitale è molto utile per il trasferimento di competenze e apre a nuovi scenari. Con le gite virtuali per esempio si potrà accedere a luoghi lontani, penso a musei di fama mondiale, siti di interesse storico e culturale difficilmente raggiungibili con una visita in presenza perché troppo distanti o costosi. Si tratta di ripensare alla didattica tradizionale, dove fisico e digitale si integrano a beneficio degli studenti e dell’intero Paese”, ha commentato Elvira Carzaniga, Direttore della Divisione Education di Microsoft Italia.

Tre le ‘scuole pioniere’ che hanno testato la prima offerta di ‘tele-gita’ a tema ambientale ‘Orti Generali’ (un parco di agricoltura urbana alla porta Sud della Città): l’Istituto Comprensivo Martin Luther King di Grugliasco, l’Istituto Comprensivo Centro Storico di Moncalieri e l’Istituto Comprensivo Sandro Pertini di Torino. Entro la chiusura dell’anno scolastico ben 20 classi avranno partecipato al progetto.

Didattica a distanza: i prodotti più venduti sul web

Tastiera e mouse ergonomici Microsoft

Cuffie Logitech H340 

Notebook Lenovo Essential

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • #ioleggoperchè, l'elenco delle librerie torinesi dove donare un libro alle scuole: la mappa

  • Contributi per studiare all'estero: dall'Inps 1500 borse (fino a € 15.000) a disposizione 

  • #Lascuolaperme: come partecipare sui social al grande racconto collettivo 

Torna su
TorinoToday è in caricamento