Come si diventa consulente del lavoro

Studi universitari, praticantato ed Esame di Stato

immagine del repertorio

Gestione delle risorse umane, elaborazione della busta paga, versamento dei contributi previdenziali, comunicazioni con gli enti istituzionali come Inps, Inail ed Agenzia delle Entrate. Queste sono le mansioni principali di un consulente del lavoro, una figura professionale sempre più richiesta dalle aziende. Piccole e medie imprese cercano questo tipo di professionista per essere coadiuvate nella gestione del personale nel rispetto delle leggi vigenti in materia.

Consulente del lavoro: i requisiti

Per diventare un consulente del lavoro è necessario il conseguimento di un titolo universitario , ma non è prevista una laurea specifica.

Questo tipo di lavoro, infatti, richiede una formazione eclettica incentrata soprattutto su materie come:

  • legislazione sociale
  • diritto tributario
  • elementi di diritto privato
  • elementi di diritto publico
  • elementi di diritto penale
  • nozioni di ragioneria 
  • bilancio 

Tra i corsi di laurea di Unito sono adatti alla formazione di questo tipo di professionista studi in:

Consulente del lavoro: Il praticantato

La laurea permette di iniziare il periodo di praticantato che è necessario per poter accedere all'Esame di Stato ed essere così inseriti nell'Albo di categoria. Il praticantato consiste in un tirocinio non superiore ai 18 mesi, presso lo studio di un consulente o di uno dei professionisti indicati dall'art.1 della legge 12/1979. 

Questo periodo di pratica può essere svolto anche durante gli studi. Il praticante deve essere iscritto al registro dei praticanti per attestare il periodo di tirocinio presso uno studio accreditato.

Consulente del lavoro: l'Esame di Stato

L'Esame di Stato viene svolto nelle commissioni territoriali formate da:

  •  i membri del Ministero del Lavoro
  •  membri dell'Inps
  •  membri dell' Inail
  • un professore ordinario di materie giuridiche

Sono previste due prove scritte ed una orale. Saranno oggetto dell'Esame approfondimenti di: 

  • diritto del lavoro
  • legislazione sociale 
  • diritto tributario 
  • elementi di diritto privato 
  • diritto pubblico
  • diritto penale 
  • nozioni di ragioneria

Una volta superato l'Esame di Stato, il neo consulente del lavoro dovrà iscriersi all'all'Ordine dei Consulenti del Lavoro e al relativo Albo professionale, secondo la legge n.12/1979. Inoltre, dovrà adempiere l'obbligo della formazione professionale continua, fissata in un tetto minimo di 50 crediti formativi da raggiungere entro 2 anni.

Consulente del lavoro: i libri più venduti sul web

Manuale del consulente del lavoro. Programma completo per la prova scritta e orale

Consulente del lavoro. Programma completo per la prova orale

Consulente del lavoro. 2ª prova scritta. Diritto tributario

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gennaio, corso gratuito di lingua inglese (livello base)

  • Corso di informatica gratuito a dicembre: ultimi posti

  • Mancheranno 100.000 laureati: avremo (decisamente) pochi ingegneri, medici, architetti

  • Iscrizione scuola dell'infanzia 2020/2021: date e domanda

  • Rendimento scolastico, voti migliori per gli adolescenti meno sedentari

  • Come si diventa web developer

Torna su
TorinoToday è in caricamento