rotate-mobile
Eventi

A The Others, non solo arte contemporanea: ospiti a Torino Esposizioni festival e concerti

La fiera dell'arte contemporanea emergente diventa sempre più internazionale

The Others festeggia il suo decimo compleanno e dal 4 al 7 novembre è protagonista nel Padiglione 3 di Torino Esposizioni. Anche quest'anno occuperà simbolicamente uno degli spazi 'abbandonati' della città: dopo il 2019, quando la sua sede fu l'ex Ospedale Militare Riberi in corso IV Novembre, la kermesse quest'anno riporta in vita con i colori e le opere, gli spazi dimenticati al parco del Valentino che per l'occasione si proporranno al pubblico con un allestimento innovativo. "Si tratta del display 'a stella' - spiega il coordinatore del progetto Lorenzo Bruni - dove si cancella il senso dei corridoi della fiera tradizionale per permettere ai visitatori una vera e propria passeggiata culturale, durante la quale poter riflettere e dibattere, attraversando otto spazi allestiti come piazze sui quali si affacciano espositori provenienti da tutto il mondo".

I festival ospiti

Con il suo sguardo sempre più ampio e internazionale - e la partecipazione di gallerie provenienti da tutta Europa -, attenta soprattutto ai trend globali, la fiera dell'arte contemporanea emergente ospita quest'anno un ricco programma di eventi collaterali con la condivisione della loro storia, filosofia e opere. Sarà vetrina per il Fringe Festival, rassegna multidisciplinare di arti performative: Fringe Portraits è la raccolta di dieci ritratti fotografici a opera di Matteo Montaldo nell'edizione 2019 dell'evento. Un lavoro in backstage che narra le emozioni e gli istanti prima del palco, a contatto con artisti e compagnie.

Nella cornice di The Others, lo Share Festival, evento che offre molteplici spunti di riflessione sull'arte, la scienza e la tecnologia, esporrà il progetto Share Gallery, nato come espressione dell'art tech contemporanea, che contiene la virtual gallery Born To Be Online, alcune opere del premio Share Prize e i progetti realizzati sul territorio all'interno del programma Artmaker. E ancora c'è spazio per Torino Graphic Days, il festival della creatività, della comunicazione visiva e della sperimentazione grafica che per l'occasione presenta il progetto ' di magia verde' Abracadabra: 60 illustrazioni donate da altrettanti illustratori, con il fine benefico di una donazione sostenibile, ossia piantare nuovi alberi in città. 

In occasione di The Others poi, il Festival delle Colline Torinesi - quest'anno in scena in varie location torinesi e non, dal 14 ottobre al 14 novembre - presenta "Lo sguardo di Macchia #2": una selezione di fotografie a cura di Andrea Macchia, che da dieci anni documenta gli spettacoli e ritrae i protagonisti del festival teatrale. Negli spazi di Torino Esposizioni ci saranno anche Torino Stratosferica e Bellissimo con la mostra "Torino at its best" che riunisce sulle facciate di due grandi totem la selezione dei migliori contenuti raccolti in otto anni, durante gli incontri di Torino Stratosferica. Idee, progetti, slogan, visioni: parole e immagini in un caleidoscopio invitano a tirar fuori il potenziale della città.

Anche musica e concerti

E poi, ad accompagnare i progetti del filone musicale The Others 2021, con gli scatti del paparazzo extraordinaire statunitense Ron Galella, nel focus della galleria Alberto Damian, c'è un'importante rassegna musicale all'aperto a cura di Associazione TUM.Hip hop, elettronica e un ricco di calendario di concerti live, con protagonisti della scena nazionale e internazionale, accompagneranno ogni sera - per l'intera tre giorni dedicata all'arte, nell'area Garden - i visitatori della fiera. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A The Others, non solo arte contemporanea: ospiti a Torino Esposizioni festival e concerti

TorinoToday è in caricamento