“Tempo di Mulini”, la mostra a Giaveno

Per il programma di territorio “Dal Grano al Pane, tra Forni e Mulini” e la 17° edizione di Giaveno Città del Buon Pane domenica 13 settembre saranno aperti al
pubblico nel rispetto delle misure anti covid – 19 dalle 10 alle 12.30 e al pomeriggio  dalle 14 alle 18.30 il Mulino della Bernardina e il Mulino Du Detu. I due Mulini cittadini saranno anche raggiunti da un Pedibus guidato con partenza dall'Ufficio Turistico di Giaveno  di piazza San Lorenzo 34 su prenotazione, nei  seguenti orari: alle 10, alle 13.30 e alle 16. In borgata Buffa, al n. 260 di via Vittorio Emanuele II si trova l’antico Mulino della Bernardina. Un mulino a pietra risalente al 1745 tramandato di padre in figlio che rischiava di finire in disuso ma che così non è stato grazie alla volontà della famiglia Ughetto e dell’attuale Mugnaio Ernesto che con molto impegno hanno mantenuto viva la tradizione e l’uso del mulino.

A questa attività hanno affiancato la coltivazione di antiche varietà di mais oltre al grano e alla segale. Presso il Mulino della Bernardina nell’ambito del programma “Dal Grano al Pane tra Forni e Mulini sarà visitabile anche e fino al 30 settembre, la mostra a pannelli “Tempo di Mulini” realizzata dal Museo Civico Etnografico del Pinerolese e Centro Arti e Tradizioni Popolari. Il percorso secondo il coordinamento di Ezio Giaj, direttore del Musep e della presidente Alessandra Maritano, propone attraverso i testi a cura di Emanuela Genre ed immagini della stessa curatrice e di Remo Caffaro uno spaccato di storia e cultura sociale popolare di secoli.

I mulini costituiscono infatti dei capisaldi del mondo socio economico del passato, identità e opportunità culturale, didattica e turistica nell’attualità. Al centro della mostra gli
aspetti dell’acqua come forza motrice, la storia ed evoluzione dei mulini ad acqua, i mulini privati, comunali, consortili e religiosi. Un focus è rivolto poi alle macine,
cuore pulsante del mulino, ai mulini in attività nel terzo Millennio e ai mulini musei. 

Aperto domenica 13 anche il Mulino chiamato “Du Detu”, sito in via Beale 8 della famiglia Giuseppe Colombatti. Edificato nel 1218, questo era il mulino abbaziale,
appartenuto ai monaci benedettini dell’Abbazia di San Michele della Chiusa, acquistato e restaurato nel 1877 da Benedetto Giai Via, detto “Detu”. Il mulino
possiede una grande ruota esterna a pale metalliche e all’interno ruote in pietra e attualmente propone attività didattiche e culturali.

Per informazioni e prenotazione visite si possono contattare i seguenti recapiti telefonici: 011.9376564 – 339.7590216.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • "Cinemaddosso. I costumi di Annamode da Cinecittà ad Hollywood" alla Mole

    • dal 14 febbraio 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo del Cinema
  • "TOward2030", mostra e live painting ai Musei Reali

    • dal 10 luglio 2020 al 17 gennaio 2021
    • Spazio Confronti della Galleria Sabauda e nei Giardini Reali

I più visti

  • Torna la XXIII° edizione di Luci d'Artista: tutte le novità di quest'anno

    • Gratis
    • dal 30 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Torino
  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • "Cinemaddosso. I costumi di Annamode da Cinecittà ad Hollywood" alla Mole

    • dal 14 febbraio 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo del Cinema
  • "TOward2030", mostra e live painting ai Musei Reali

    • dal 10 luglio 2020 al 17 gennaio 2021
    • Spazio Confronti della Galleria Sabauda e nei Giardini Reali
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento