Narciso, racconto tragicomico di un mito

Un moderno aedo racconta, con scanzonata immedesimazione, il mito di Narciso e le vicende dei personaggi che ne fanno parte: le paure, le insicurezze, la gioia, l’imbarazzo, la passione travolgente di un adolescente eccezionale (eppure così simile agli adolescenti di ogni tempo) che annega nel dolore di un rifiuto.

E’ questo Narciso, il racconto tragicomico di un mito, spettacolo che si terrà a Torino il 1 luglio alle ore 21.30 presso il circolo Oltrepò di corso Sicilia 23. Un appuntamento imperdibile firmato da Stefano Dell’Accio e Monica Bonetto. Con Stefano Dell'Accio. Musiche eseguite dal vivo da Davide Sgorlon. Produzione a cura di Cpem Teatro.

Ad accompagnare le parole, al posto di una cetra, l’impeto ribelle di una Fender Telecaster. Un monologo con accompagnamento musicale dal vivo. La struttura, infatti, è supportata da un io narrante che assume di volta in volta l’identità dei personaggi citati facendoli interagire tra loro.

La narrazione è suddivisa in quattro momenti principali: un prologo introduttivo che spiega la  figura dell’aedo e la sua funzione; l’ antefatto che presenta i personaggi della storia e le loro caratteristiche; il racconto della vita di Narciso sino all’adolescenza, l’epilogo struggente di Narciso alla fonte.
Ingresso libero. Per informazioni telefonare al numero di telefono 339-7225647

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Il Castello di Moncalieri riapre al pubblico: prenotazione obbligatoria

    • dal 4 febbraio al 30 aprile 2021
    • Castello di Moncalieri
  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento