menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dal sito ufficiale della Scuola

Foto dal sito ufficiale della Scuola

Nel centro di Torino apre la prima Scuola di Meditazione Sonora

Campane tibetane, tamburo sciamanico e didgeridoo: primi tre giorni di corsi gratuiti

Nel cortile interno della Cavallerizza Reale, in via Verdi 9, il 18 aprile apre con tre giorni di corsi gratis la prima Sound Meditation School, in italiano Scuola di Meditazione Sonora. “La porta di ingresso ai benefici delle vibrazioni sonore prodotti da Gong, Campane Tibetane, Tamburo Sciamanico, Didjiridoo” come viene definita dai creatori di questa nuova scuola, nata con l'obiettivo di insegnare “un metodo per imparare a stare bene e vivere felici”.

Dal 18 al 20 aprile, dalle 10:00 alle 22:00, la scuola sarà aperta a tutti, con sessioni gratuite per provare questa nuova esperienza e “per viaggiare nella parte silente del proprio io verso l’equilibrio psicofisico, attraverso le vibrazioni ancestrali del corpo”. Per partecipare alle sessioni in programma basta prenotare telefonicamente, o trovando le informazioni sul sito ufficiale www.soundmeditationschool.org.

I corsi in programma

Sound Meditation School è un'iniziativa promossa dall’Associazione Il Tempo di Alice, che si è ispirata alla scienza ayurvedica ideando un percorso educativo attraverso il potere del suono, declinato di volta in volta in uno dei cinque elementi fondamentali: Terra, Acqua, Fuoco, Aria, Etere. La scuola propone molti corsi, tra cui bagni di gong, sessioni con campane tibetane, sessioni di sciamanic gong oltre a lezioni di yoga, yoga del suono, yoga empatia, pilates, ginnastica, streching.

Come funziona la meditazione sonora

“Il suono e le vibrazioni sono quanto di meglio esista in natura per creare e mantenere l’armonia psicofisica – spiega Maria Pia Di Domenico, presidente del Tempo di Alice e anima della Scuola di Meditazione Sonora –. Così, la purezza del suono armonico delle Campane Tibetane accompagna il sistema nervoso centrale verso un profondo rilassamento. Il suono del gong genera milioni di frequenze contemporaneamente in grado di sciogliere nodi energetici e blocchi dati dallo stress accumulato”.

Circondati e attraversati da innumerevoli toni, frequenze, vibrazioni, i partecipanti sono quindi immersi in un oceano di suoni che “generano un massaggio vibrante capace di smorzare il controllo razionale, lasciando emergere la voce dell’io più profondo e consentendo di separarsi dalle preoccupazioni e tensioni accumulate”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento