Torna l'attesa "Run 5.30": tutti di corsa all'alba in città

La decima edizione

Per gli sportivi più mattinieri, torna anche quest'anno a Torino la Run 5.30, la corsa di 5 km all'alba in città. I partecipanti partiranno venerdì 31 maggio da Piazza Castello alle cinque e trenta lungo un percorso che attraverserà alcuni dei punti nevralgici della città: via San Tommaso, via Roma, via Carlo Alberto, per citarne alcuni, fino al punto di arrivo, Piazza San Carlo. Giunta alla decima edizione, la manifestazione che quest'anno avrà Nostromo come local sponsor, nasce con l’obiettivo di promuovere il benessere attraverso lo sport, la cultura ed esperienze uniche dei luoghi in cui i partecipanti vivono e lavorano, in un’ottica di comunità e sviluppo sostenibile.

Distintivo, infatti, il richiamo ai 17 obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda Onu 2030: dalla scelta della disciplina sportiva - il podismo, sport “per tutti” per eccellenza - alla promozione dell’uguaglianza di genere, con una partecipazione femminile passata dal 21% al 57% in 10 anni, dai percorsi pensati per valorizzare il patrimonio artistico di ciascun luogo, alla promozione di un’alimentazione sana e attenta all’ambiente.

Iscriversi alla corsa costa 15 euro ed è possibile farlo sul sito. I partecipanti riceveranno la t-shirt celebrativa che potranno ritirare mercoledì 29 e giovedì 30 maggio dalle 10 alle 18 all'8 Gallery, oppure la mattina stessa dell'evento prima della gara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento