Natale 2018, i presepi da vedere a Torino e provincia

Una magia che si rinnova ogni anno. Gli indirizzi utili

L'8 dicembre segna, per tradizione, la data in cui le famiglie italiane iniziano i preparativi di Natale addobbando l'albero, le decorazioni in casa e per le strade. Ma nonostante la "globalizzazione" di abeti e alberi illuminati, in Italia è ancora vivissima l'usanza di allestire la scena della natività, ovvero il presepe, con la Sacra Famiglia, i Re Magi, i pastorelli e le figure di contorno, in attesa del bambinello da collocare in scena non prima della mattina del 25 dicembre. 

"Inventato" da San Francesco d'Assisi quasi ottocento anni fa, precisamente nel 1223, il presepe è tutt'oggi un simbolo delle festività natalizie di tutta Italia, da nord a sud, e sono numerosi anche i presepi aperti al pubblico in chiese, piazze, borghi e location ad alto impatto emozionale. Anche a Torino e in provincia sono numerosissimi i presepi che le famiglie possono visitare e ammirare, con somma gioia in particolare dei bambini che si immergono nella magia di una rappresentazione scenica che non può lasciare indifferenti.

Ecco alcuni consigli e indirizzi utili per i presepi più belli e suggestivi da ammirare a Torino, tra città e provincia:

Il presepe meccanico nella Chiesa della SS Annunziata

Il presepe meccanico di via Po, nella chiesa della Santissima Annunziata da quasi un secolo, è uno dei più antichi d'Italia, e sicuramente il più visto da generazioni e generazioni di torinesi. Più di 200 i personaggi sulla scena, di cui un centinaio azionati dal sistema meccanico alimentato elettricamente recuperato da una nave in demolizione. Da qualche anno, poi, a dare un tocco di modernità al presepe meccanico di via Po è l'impianto di luci a LED che illumina tutta la rappresentazione in movimento. 

Indirizzo: Torino, via Po 45. Sito ufficiale con orari di apertura

Il presepe di Emanuele Luzzati al Valentino

All'interno del borgo medievale nel parco del Valentino, da diversi anni si può ammirare in questo periodo il "presepio d'artista" di Emanuele Luzzati. Una serie di figure bidimensionali, in cui è riconoscibile il tratto dell'artista genovese, sono dislocate su una parete prossima all'ingresso sud del borgo, con l'atmosfera medievale che fa da cassa di risonanza alla magia natalizia, quasi a ricordare il presepe originario nella mangiatoia di San Francesco. Inaugurato nel 1997 in piazza Carlo Felice, spostato poi al Teatro Regio e in piazza Castello, il presepe di Luttazzi ha infatti trovato la sua scenografia perfetta in questo contesto sospeso nel tempo.

Indirizzo: Torino, parco del Valentino, viale Virgilio 107

Il presepe vivente di Grugliasco

La Sacra Rappresentazione si svolgerà sabato 15 e domenica 16 dicembre all'Istituto Suore Missionarie della Consolata. Giunto alla nona edizione, il Presepe Vivente realizzato in via Crea dalla Onlus fondata dagli ex allievi delle Missionarie della Consolata avrà una nuova location e quasi cento protagonisti, tutti in costume.

La scena è tutta all’aperto e sempre ad ingresso gratuito, ma il ricavato delle offerte volontarie sarà devoluto in beneficenza. Seguendo la tradizione italiana del presepe, i quasi cento personaggi, tutti non professionisti, animeranno e coinvolgeranno gli spettatori grandi e piccoli, che diventeranno così essi stessi protagonisti della ricostruzione della nascita del Bambino di Betlemme.

Indirizzo: Grugliasco, via Crea 15. Sito ufficiale con orari di apertura

Il presepe "privato" di Grugliasco

Non lontano da via Crea, nello stesso Comune di Grugliasco e precisamente in via Rovereto 8, si possono ammirare il presepe e l’albero allestiti da Francesco Cotti per la parte strutturale e dalla moglie Franca Caporale e dalla signora Aura Esther Ascencio Rodriguez per la parte elettrica. Un presepe di 3 metri per un metro e mezzo di profondità, con il cielo realizzato in carta e led per le stelle e con al centro una cometa grandissima con ben due luci, una gialla e una bianca. Accanto al presepe svetta un albero di oltre due metri di altezza con 1700 luci a led: è una struttura in fil di ferro, tubo di grondaia, scagliola e inserita dentro un albero, in modo che sembri che esca dal tronco. A completare l’allestimento a terra ci sono due renne e un Babbo Natale.

Indirizzo: Grugliasco, via Rovereto 8. Numero di telefono per prenotare: 011 7803276; cell. 333 1339380.

I "presepi dal mondo" alla Sacra di San Michele

Anche la mostra sui presepi di tutto il mondo è ormai una tradizione per migliaia di torinesi e di turisti in visita durante le vacanze di Natale. Nell'impareggiabile cornice della Sacra (dove Umberto Eco ambientò "Il nome della rosa"), le scene sacre create nei cinque continenti sono una tappa irrinunciabile per chi sceglie questo periodo per visitare il monumento simbolo del Piemonte. E proprio in occasione delle feste, la mostra e la Sacra sono aperte tutti i giorni.

Indirizzo: Sant'Amrogio di Torino, via alla Sacra 14. Sito ufficiale con giorni e orari di apertura

Il presepe degli abitanti di Settimo Vittone

Dall'8 dicembre a Montestrutto, frazione di Settimo Vittone nell'alto Canavese, torna anche quest'anno il "presepe nel borgo". A differenza di quello del Valentino, questo presepe nel borgo è caratterizzato dall'iniziativa spontanea dei suoi abitanti, che anno dopo anno sono sempre più coinvolti e coinvolgenti nell'allestimento delle scene tra le strade di Montestrutto, con una musica di sottofondo che rende ancora più incantevole l'atmosfera.

Indirizzo: Montestrutto, fraz. Settimo Vittone

Una finestra sui presepi a Colleretto Giacosa

Sempre nel Canavese, ma a Colleretto Giacosa, un presepe "diffuso" si rinnova di anno in anno, secondo uno schema preciso. Le molteplici scene allestite nelle vie del borgo, infatti, trovano la loro collocazione nelle finestre delle case e negli androni dei palazzi, dando così la possibilità, sopratutto ai più piccoli, di scorrazzare in giro curiosando alla ricerca di nuove scene. 

Indirizzo: Colleretto Giacosa. Sito ufficiale con giorni e orari di apertura

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

Torna su
TorinoToday è in caricamento