Premio letterario "Occhi aperti", le modalità di partecipazione

 Le opere dovranno pervenire entro il 2 giugno Si rivolge a tutti coloro che hanno una disabilità visiva, sono ipovedenti o non vedenti il “Premio Letterario Occhi Aperti” che nasce proprio in questa primavera 2020. Un progetto voluto dall’Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti - Apri Onlus riservato a chi ama scrivere, a chi ha già pubblicato qualcosa o, semplicemente, a chi non ha mai pubblicato nulla, ma vuole mettersi alla prova con una nuova, divertente sfida creativa e vorrà sfruttare un modo costruttivo la lunga quarantena imposta dall’emergenza Covid-19.

Non a caso l’argomento scelto per le opere che concorreranno a questa prima edizione del premio è “Home: a casa”. Nei lunghi anni di attività della rivista associativa “Occhi Aperti” , l’Apri Onlus e la redazione si sono resi conto dell’esistenza di un gran numero di autori ipovedenti e non vedenti con ottime capacità espressive e creative. La tecnologia aiuta e stimola nell’avvicinamento alla lettura ed alla scrittura e sono sempre più numerosi gli autori non vedenti che danno prova di grande talento.

La scrittura ha in sé una grandissima forza evocativa e terapeutica, serve a canalizzare ad analizzare le emozioni. Spesso aiuta a guardare meglio dentro di sé, altre volte a scandagliare le mille poliedriche sfaccettature dell’animo umano. Altre volte ancora è utile per raccontare una vicenda personale o fissare un’avventura che ci ha segnati profondamente. Sempre, essa è un canale espressivo coinvolgente sia per chi scrive sia per chi legge. Dice il presidente Apri Onlus Marco Bongi: “La cultura è sempre un potentissimo fattore di integrazione. Per questo chi sa scrivere e parlare bene, anche se su altri fronti ha bisogno dell'aiuto altrui, può sempre portare agli altri un contributo originale.

Così gli scrittori non vedenti ci possono fare letteralmente percepire il mondo sotto un'altro punto di vista" . Non verranno erogati premi in denaro. Sono previsti tre riconoscimenti per i tre migliori elaborati. Il primo classificato verrà pubblicato sull’edizione natalizia della rivista “Occhi Aperti” in versione integrale. Gli elaborati, con lunghezza massima pari a 10.000 battute spazi inclusi (i testi con lunghezza maggiore non verranno presi in considerazione), dovranno pervenire entro il 2 giugno 2020 all’indirizzo audrey.deb@alice.it ed essere in formato word oppure pdf.

La mail con oggetto “Premio Occhi Aperti 2020” dovrà contenere anche tutti i dati dell’autore: nome, cognome, indirizzo, e-mail e numero di telefono. La premiazione avrà luogo a fine settembre in data e modalità ancora da concordare. La partecipazione ha un costo di iscrizione di 20,00 euro da versare direttamente presso gli uffici dell’Apri oppure tramite bonifico Codice IBAN IT27V0760101000000011332103 I testi non verranno restituiti e il giudizio della giuria sarà insindacabile.

La giuria è formata da: Marco Bongi (presidente Apri Onlus), Ornella Valle (referente Apri Onlus per Chivasso), Simona Guida (psicologa e psicoterapeuta), Debora Bocchiardo (autrice, giornalista e direttore responsabile di Occhi Aperti) e Giovanni Cordero (critico d’arte e scrittore), Giovanni Tasso (critico musicale). Per informazioni scrivere a audrey.deb@alice.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Torna la XXIII° edizione di Luci d'Artista: tutte le novità di quest'anno

    • Gratis
    • dal 30 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Torino
  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Agriflor, il primo appuntamento del 2021 in piazza Vittorio

    • solo oggi
    • 24 gennaio 2021
    • Centro cittadino
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento