"Planetarium", mostra di scultura ceramica contemporanea a Castellamonte

Prenderà il via sabato 3 ottobre, dalle 16, presso la sede dell’Associazione Museo “Centro Ceramico Fornace Pagliero 1814”, in frazione Spineto n°61, a Castellamonte, la mostra di scultura ceramica contemporanea dal titolo “Planetarium”, una installazione unica realizzata con 40 sfere dal diametro di 60 centimetri. Spiega il curatore Vittorio Amedeo Sacco: “La mostra che si apre, Planetarium, si inserisce con grande forza nel filone di approfondimento critico sulla rappresentazione artistica della ceramica e di educazione alla sua intima bellezza. La mostra è importante: essa va oltre e dietro le forme, scava nelle sue radici profonde. Ci parla della natura, della Terra, del cosmo e dell’immaginario che lo nutre.

All’appello hanno risposto quaranta artisti. Ciascuno, con la propria sensibilità e notevole capacità tecnica, ha interpretato il tema proposto, approntando le opere in un unico formato: sfere di 60 centimetri di diametro. Si è trattato, in fondo, non di presentare tante opere individuali, ma di realizzare un’unica grande installazione, di notevole impatto scenografico. Amare la Terra che genera, riscoprirne, ogni giorno, l’affascinante mistero e fascino, il grande romanzo di cui artisti, poeti, filosofi, musici hanno scritto e che continua: questo è il primo messaggio che la mostra vuole trasmettere. La sensibilità verso la natura, i suoi ritmi profondi, le sue ragioni, è un valore che sempre deve rinnovarsi entro di noi. È il più sicuro baluardo contro le forze che hanno recato tanti danni alla Terra nel recente passato e continuano a farlo.

Centrale, emerge, nelle opere in mostra, il senso del rispetto e amore per la natura che accompagna l’immenso lavoro compiuto. È questo rispetto per la Terra, per la sua capacità di produrre oltre che beni materiali un mondo sentimentale, fatto di paesaggi, storie, stupefazione e meraviglia continua per un naturale che emerge dal nulla, che ci ha colpito e che ha costituito la spinta per pensare a questa nuova esposizione. Oggi più che mai è importante riflettere a più largo raggio su ciò che a quel rispetto era sotteso e sulle grandi onde di pensiero che quel termine richiamava.

Ma siamo consapevoli di come trattiamo la Terra? Eccessivo sfruttamento, inquinamento, deforestazioni, rifiuti tossici, siccità, disgelo della calotta glaciale. Il nuovo sobbalzo climatico fa leggermente variare l'inclinazione dell'asse terrestre. Se potessimo osservare la Terra che ruota, vedremmo una trottola che oscilla e sobbalza. Oggi la terra è malata”. L’allestimento è a ingresso gratuito e chiuderà domenica 1 novembre. L’orario sarà il seguente: giorni feriali dalle 15 alle 19 e giorni festivi dalle 10 alle 19. Giorno di chiusura lunedì.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • Riapre il MAUTO: mostre e visite guidate a prezzi speciali

    • dal 17 febbraio al 1 agosto 2021
    • Mauto
  • A Carnevale la Reggia di Venaria resta aperta fino alle 19

    • dal 12 febbraio al 31 dicembre 2021
    • Reggia di Venaria

I più visti

  • 29° Giornate Fai di Primavera: le aperture del 15 e 16 maggio in provincia di Torino

    • dal 15 al 16 maggio 2021
    • Varie location
  • Il Bioparco Zoom ha riaperto: ad accogliere i visitatori il nuovo habitat con i rettili d'Africa e America

    • dal 26 aprile al 30 settembre 2021
    • Bioparco Zoom
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Torino

    • dal 6 al 31 maggio 2021
    • Torino
  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento