Nordgarden in concerto al Pop & Low

Sabato 8 dicembre Nordgarden in concerto al Pop & Low di Torino. Nordgarden è un artista norvegese che proviene dal songwriting “classico” della vecchia scuola americana. Con radici ben piantate nel folk, nel blues, nel gospel e nel rock, la ricerca di Nordgarden è orientata verso belle canzoni melodicamente ispirate, che abbiano una storia da raccontare, senza tralasciare la loro esecuzione, che dev’essere piena di coraggio e passione bruciante, nel solco della tradizione di figure imprescindibili come Bob Dylan, Bruce Springsteen e Neil Young, fino ad autori più recenti come Elliott Smith, Ryan Adams e Rufus Wainwright.

Il nuovo album “Changes” è un capitolo del tutto nuovo. Nordgarden ha sempre desiderato registrare un album di studio “live”, cioè con l’intera band che suona nella stessa sala contemporaneamente, come si faceva ai vecchi tempi. Ed ecco quello che è diventato il disco. Con l’aiuto di un gruppo di musicisti formidabili – alcuni dei migliori dell’attuale scena norvegese – Nordgarden è riuscito a creare un disco davvero molto caldo e ben strutturato, dal sound solido e vibrante. I pezzi sono stati registrati allo Studio Paradiso di Oslo durante l’inverno del 2016. Al mixer c’erano Christian Engfelt e Marcus Forsgren, già ingegneri del suono della band norvegese Big Bang and Jaga Jazzist, tra gli altri.

In due giorni la band ha registrato undici canzoni, poi Erik Johannessen (anche lui di Jaga Jazzist) ha arrangiato gli ottoni, Lise Voldsdal (Sivert Hoyem) ha suonato le parti degli archi e le cantanti soul Rikke Normann and Sisi Sumbundu (Madcon) si sono occupate delle armonie vocali. Il disco consiste di dieci canzoni che spaziano tra panorami folk, country, soul e blues. In alcuni momenti risuonano gli echi di New Orleans. Due delle canzoni sono state scritte insieme a Claudia Scott, leggendaria cantante country anglo-norvegese. Altre due sono state scritte con la svedese Johanna Demker. Le collaborazioni infatti sono un altro elemento chiave di questo album. Per Nordgarden è stata una rivelazione vedere quanto esse possano portare in termini di creatività, variazioni e determinazione nel realizzare una canzone.

I testi parlano di amori perduti, dell’importanza delle grandi amicizie, del desiderio di trovare la pace nella natura, allontanandosi dalla frenetica vita quotidiana della città. Il blues “Don´t Need Nobody” è una reazione immediata agli attacchi terroristici accaduti a Parigi e Beirut alla fine del 2015. Ma l’elemento ricorrente, da cui l’album prende il titolo, è il cambiamento. Le nostre vite passano attraverso un flusso di cambiamenti continui e questi a volte ci prendono alla sprovvista e ci fanno rimbalzare qua e là come piccoli atomi. Ci si sente come dentro una tempesta e bisogna imparare in fretta come navigarci in mezzo sperando di uscirne sani e salvi, e, forse, anche migliori di prima.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Parte “Sisifo”: la nuova stagione di Casa Fools

    • Gratis
    • dal 12 febbraio al 30 maggio 2021
    • Casa Fools - Teatro Vanchiglia
  • Raf e Tozzi in concerto: l'evento è in programma a Torino ad aprile

    • dal 26 al 27 aprile 2021
    • Teatro Colosseo
  • OGR Good Vibes, concerti e interviste sul canale Youtube: da marzo a maggio

    • dal 18 marzo al 31 maggio 2021
    • Canale Youtube Ogr

I più visti

  • Tuliparty, al via la terza edizione: uno 'scorcio d'Olanda' a Pianezza

    • dal 27 marzo al 25 aprile 2021
    • vivaio
  • Il Castello di Moncalieri riapre al pubblico: prenotazione obbligatoria

    • dal 4 febbraio al 30 aprile 2021
    • Castello di Moncalieri
  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento