Mercoledì, 22 Settembre 2021
Eventi

Natale 2012 a Torino, le sculture di ghiaccio

Le piazze di Torino si sono popolate di sculture che sembrano fuoriuscite dal mondo delle fiabe mentre in realtà sono ricavate da uno degli elementi più tipici della stagione invernale: il ghiaccio

Il Toro di ghiaccio in piazza Castello - foto: Redazione web - www.comune.torino.it

Nella magia del Natale tutto è possibile. E’ possibile che le piazze di Torino si popolino di sculture che sembrano fuoriuscite dal mondo delle fiabe mentre in realtà sono ricavate da uno degli elementi piu? tipici della stagione invernale: il ghiaccio. Monumenti storici, pupazzi, alberi di Natale, simboli della citta? e infine anche uno scintillante presepe faranno la loro apparizione per tutto il mese di dicembre all’interno del palinsesto promosso dalla Città di Torino per il Natale.

Dal 30 novembre al 30 dicembre un gruppo di artisti nazionali e internazionali realizzeranno una serie di opere uniche che accoglieranno i cittadini e i turisti negli angoli più attraenti della città. Gli scultori, provenienti da Harbin, citta? della Cina nordorientale gemellata con Torino, piuttosto che dal resto d’Italia, daranno vita a un sorprendente Sentiero delle Statue di Ghiaccio seguendo il quale si scoprira? una citta? immaginaria o meglio il suo doppio fatto di luce e solida trasparenza. Un percorso di fantasia che sara? svelato giorno per giorno in orario preserale (dalle ore 19 circa) e si articolerà in diversi punti del centro storico.

Si parte con la costruzione del “sentiero” il 30 novembre da piazzale Valdo Fusi con il Muretto delle Favole di Ghiaccio, lungo 12 metri e alto 120 centimetri su cui gli scultori realizzeranno figure di varia natura ispirandosi ai testi delle fiabe che dal 2 dicembre saranno raccontate in piazza ai bambini. Lo stemma di Torino, come incipit ideale di tutta la manifestazione fara? invece la sua comparsa il 5 dicembre in piazza Castello.

Il 12 dicembre si inaugura il terzo capitolo in piazza Emanuele Filiberto sopra le storiche ghiacciaie romane con uno dei simboli più celebri della città: la Mole Antonelliana. La grande opera di Antonelli sarà riprodotta in miniatura con base di 180 cm e altezza 340 cm dal team dell’Azienda Cubetto con tanto di led luminosi tricolori. Il 19 dicembre sarà protagonista un’altra piazza: la Consolata. Qui apparirà il classico Presepe di Natale realizzato con blocchi di ghiaccio trasparenti, intagliati a formare i cinque personaggi della Natività (per una circonferenza di 4 metri e altezza di 2,20 metri). Naturalmente il 24 dicembre a completare la rappresentazione sacra apparirà la piccola statua del bambino.

L’ultimo intervento si terrà in piazza Carlo Alberto dove a partire dal 27 dicembre gli artisti di Harbin daranno vita a due muri di ghiaccio alti 2,5 metri, adornati dai soggetti caratteristici della loro tradizione in una sorta di omaggio al Natale del Grande Nord insieme a un’altra parete: qui sarà inciso il nome di Torino, come sigillo finale posto a chiusura del sentiero. La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione della Città di Torino con “Cubetto”, l’azienda torinese di servizi leader della “catena del freddo”.

(Fonte Natale coi fiocchi)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale 2012 a Torino, le sculture di ghiaccio

TorinoToday è in caricamento