menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da "Appendino che proibisce cose" a "Di Maio che facesse cose": mostra di manifesti satirici al Bunker

24 manifesti a cura di Andrea Federico Cecchin

Da “Appendino proibisce cose” a “Di Maio che facesse cose”. Sabato 14 luglio alle 19 verrà inaugurata al Bunker in via Paganini 1, l'originale esposizione di manifesti satirici di Andrea Federico Cecchin. Ventiquattro locandine anche in vendita, a cura di colui che, a 34 anni, con intelligenza e ironia, con la creazione della pagina Facebook "Chiara Appendino che proibisce cose", diffonde meme che puntualmente diventano virali. E che fanno sorridere la stessa sindaca: con Cecchin infatti, tempo fa, organizzò anche un simpatico incontro. 

“Times”, “Le Figaro”, “The Independent” sono solo alcune delle testate internazionali che hanno scelto di affidarsi all'ironia di Andrea per approfondire con un sorriso temi d'attualità. In Italia il premier Matteo Renzi gira il mondo in bicicletta dal 2014, anno in cui Andrea l'ha fatto pedalare sul prato del famosissimo sfondo desktop di Windows Xp. Renzi inseguito dai Power Rangers, attraverso uno Star Gate, a fianco di Harry Potter, giorno dopo giorno il blog “In bici con Renzi” diventa il pilastro dell'ironia sul neo eletto premier e viene ripreso dalle maggiori testate nazionali, diventando il primo vero ed autentico meme sul giovane Primo Ministro.

Quando Porta a Porta ospita nel suo noto salotto la controversa famiglia Casamonica, il passo è breve: Luke Skywalker, Don Vito Corleone e Adolf Hitler compaiono sul web nella pagina Facebook “Bruno Vesta invita gente” come ospiti del celebre conduttore. In pochi giorni anche queste immagini diventano virali e vengono pubblicate su Vanity Fair, Repubblica, La Stampa, GQ, fino ad essere ribattute da agenzie di stampa come Adnkronos: ad oggi la pagina Facebook ha oltre 21 mila followers e continua a macinare popolarità.

Dalla politica all'informazione e viceversa: nel 2015 nasce il sito web satirico Carlo Hebdo (carlohebdo.it). Funerali di Stato per Bernardo Provenzano, Virginia Raggi indagata per i punti della Coop e la serie Netflix su Fibonacci sono solo alcune delle notizie date da Carlo Hebdo e che hanno spopolato sui social. A giugno 20017, dopo i fatti di Piazza San Carlo (1000 feriti alla finale di Champions) e quelli di Piazza Santa Giulia a Torino, ecco la pagina Chiara Appendino proibisce cose, 45.000 followers ed un incontro con la sindaca a pranzo per parlare di politiche giovanili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lady Dybala si annoia all'ombra della Mole: "A Torino non c'è molto da fare"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento