Venerdì, 24 Settembre 2021
Mostre

Mostra Degas, 150 mila visitatori in 4 mesi. Ultimi giorni di apertura

Aperta dallo scorso 18 ottobre chiuderà i battenti il 27 gennaio. Più di 150 mila persone hanno visto le ottanta opere presenti nella mostra torinese

La mostra di Degas ha attirato circa 150 visitatori alla Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino. La mostra, che ha aperto i battenti lo scorso 18 ottobre, sarà ancora aperta fino a domenica 27 gennaio, con un ultimo ingresso previsto per le ore 18:30.

Un'ottantina sono le opere di Edgar Degas esposte. Due delle più apprezzate dai visitatori sono state l'Autoritratto del giovane artista (1855) e il Ritratto di famiglia, un capolavoro che solo in rarissime occasioni ha lasciato il museo parigino, anche per le sue considerevoli dimensioni (2 x 2,5 metri). Altre opere straordinarie come L'orchestra dell'Opéra (1870), Lorenzo Pagans e Auguste de Gas (1871-1872), Jeantaud, Linet, Lainé (1871), Donne fuori da un caffè la sera (1877), restituiscono il mondo della Parigi di fine Ottocento con i suoi caffè frequentati da artisti, letterati, musicisti a cui seguono capolavori a soggetto femminile come Ritratto di donna con vaso di porcellana (1872), La pédicure (1873) e Giovane donna che si annoda il nastro del cappello (1882).

PAESAGGIO - Anche il tema del paesaggio , tra i meno conosciuti in Degas, trova un suo spazio nella mostra con splendide nature a pastello come Alberi su una pianura (1870-1875), Marina (1869) e Scogliere (1869). Seguono i soggetti più popolari, i cavalli, cui Degas comincia ad appassionarsi dal ritorno a Parigi nel 1859, frequentando a lungo l'ippodromo di Longchamp. In mostra troviamo il celeberrimo quadro Il Defilé (Cavalli da corsa davanti alle tribune, 1866-1868) e un altro magnifico olio Corsa di gentlemen. Prima della partenza (1862) e, inoltre, alcuni splendidi disegni di cavalli, fantini e corse, dove l’eccellente tecnica disegnativa del grande artista si rivela pienamente.

BALLERINE - Non mancano i quadri che raffigurano le ballerine. Degas amava dipingerle in tutte le tecniche (olio, pastello o gouache) e in diverse inquadrature di scena o di prova. Tra le opere presenti a Torino spiccano autentici capolavori come Prove di balletto in scena (1874), Fin d'arabesque (Ballerina con bouquet) (1877), Arlecchino e Colombina (1886-1890). Accanto a queste anche una raccolta di sculture in bronzo di ballerine, tra cui la nota Piccola danzatrice di quattordici anni (fusione eseguita tra il 1921-1931), alta circa un metro e abbigliata con un tessuto di tulle.

NUDO FEMMINILE - All'interno della mostra alla Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti sono stati esposti anche quadri raffiguranti figure di donne riprese nell'atto di lavarsi, di pettinarsi, dopo il bagno. Tra queste la Donna alla toilette che si asciuga il piede del 1886 e Donna che fa il bagno, bellissimo studio a matite colorate e pastello del 1892. Completano la mostra alcune altre piccole sculture in bronzo, figurine femminili dinamiche anch'esse riprese nell'intimità quotidiana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra Degas, 150 mila visitatori in 4 mesi. Ultimi giorni di apertura

TorinoToday è in caricamento