Domenica, 24 Ottobre 2021
Mostre Centro / Via San Domenico, 11

Le opere del Mao visibili in tutto il mondo in 3D grazie a Google

Fondazione Torino Musei, grazie alla collaborazione con Google Cultural Institute, entra a far parte di Google Art Project. Venti opere del Museo d’Arte Orientale sono visibili in 3D grazie alla nuova tecnologia

Il Mao, Museo d’Arte Orientale, è il primo museo in Italia ad aver aderito al progetto pilota di Google Art Project che prevede la possibilità di vedere le opere online in 3D con un alto livello di dettaglio e angolazione. Al momento sono venti le opere consultabili e spaziano dal vasellame cinese in terracotta bianca della cultura Dawenkou risalente al. 2900-2400 a.C. e statuine della dinastia degli Han datate III secolo d.C., ai bronzi provenienti della regione himalayana del XVII-XVII secolo d.C.

Non è la prima volta che Google e la cultura torinese si incontrano. In Art Project sono già presenti tantissime immagini ad alta risoluzione delle collezioni presenti al Borgo Medievale, al Mao, alla Gam, alla Fondazione per l’Arte Moderna, allo Street Art Museum e a Palazzo Madama. Direttamente sul sito di Google Art Project, grazie alle sofisticate tecnologie di ripresa a 360 gradi di Google Street View, si può fare un tour virtuale alla scoperta dei luoghi della cultura torinese a un primo corpus di 280 immagini ad alta risoluzione delle opere presenti negli allestimenti dei musei.

Il progetto firmato con Google ha inoltre permesso di realizzare e caricare sulla piattaforma le immagini in Gigapixel di tre grandi capolavori appartenenti alle collezioni dei musei. Le immagini, ottenute alla straordinaria risoluzione di 7 Gigapixel (7 milioni di punti), consentono all’utente di studiare dettagli delle opere altrimenti non visibili a occhio nudo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le opere del Mao visibili in tutto il mondo in 3D grazie a Google

TorinoToday è in caricamento