“Memorie e radici", personale di Paola Bisio da Galfer20

La mostra personale di Paola Bisio presso l’Associazione Culturale Galfer20, aperta al pubblico da martedì 11 a venerdì 21 dicembre 2018, trova origine nella riflessione dell’artista sul testo di Marija Gimbutas “Il linguaggio della Dea”. Nel volume, edito in Italia nel 1997, l’archeologa e linguista lituana illustrò una parte delle migliaia di reperti ritrovati nelle campagne di scavo nel sud est dell’Europa. Oggetti e immagini che Gimbutas studiò come testimonianze di una civiltà matrifocale, mutuale e pacifica, fondata sulla credenza dell’esistenza di una divinità femminile capace di manifestarsi nella natura e nel quotidiano e sulla ciclicità del tempo che conduce dalla vita alla morte per sfociare nuovamente nella vita.

Paola Bisio riflette pertanto sul concetto di “Sacro”, sempre più assente nella società e nella cultura contemporanea e, in particolare, sulla ridotta sacralità concessa al corpo e alla psiche femminile. Così facendo riproduce i simboli preistorici tratti dai reperti archeologici e fornisce loro una valenza artistica più vicina al nostro concetto di arte ma che non ne snatura la forza intrinseca di archetipo capace di evocare, in un dialogo maieutico, profonde relazioni con il nostro inconscio.

Utilizzando materiali significativi e naturali, come argilla, sabbia, iuta, ferro, tela uniti a materiali attuali come plexiglass e vernici, l’artista recupera la forza degli elementi simbolici di epoca preistorica, richiamando le radici femminili alla base della nostra cultura e società. L’appuntamento è martedì 11 dicembre alle ore 17,30 presso la sede dell’Associazione Culturale Galfer20, a Torino in corso Galileo Ferraris 20. Il programma della serata prevede una presentazione della mostra attraverso le parole dell’artista alle ore 18 e, a seguire, per chi desidererà fermarsi, verrà proposta la prima parte di un incontro dal titolo “Le nostre radici nel presente”, primo di due appuntamenti in cui si affronterà come tematica il significato di alcune simbologie preistoriche femminili così come indicato da Gimbutas.

La seconda parte dell’incontro avrà luogo venerdì 14 dicembre a partire dalle ore 17,30 durante il quale si discuterà del permanere delle simbologie femminili preistoriche in Europa e nel mondo, fino ad oggi (con riferimento alle pubblicazioni di Tilde Giani Gallino).
Nei giorni seguenti all’inaugurazione, la mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 18, con ingresso gratuito previa prenotazione scrivendo a: associazioneculturale@galfer20.com
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • A Carnevale la Reggia di Venaria resta aperta fino alle 19

    • dal 12 febbraio al 31 dicembre 2021
    • Reggia di Venaria

I più visti

  • Tuliparty, al via la terza edizione: uno 'scorcio d'Olanda' a Pianezza

    • dal 27 marzo al 25 aprile 2021
    • vivaio
  • Il Castello di Moncalieri riapre al pubblico: prenotazione obbligatoria

    • dal 4 febbraio al 30 aprile 2021
    • Castello di Moncalieri
  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento