"La giostra di Nina", l'installazione di Valerio Berruti alla Reggia di Venaria

La Galleria Grande della Reggia di Venaria, complesso barocco alle porte di Torino dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, sposa l’arte contemporanea ospitando La giostra di Nina, l’installazione dell’artista Valerio Berruti dal prossimo 30 ottobre fino al 31 gennaio 2021. Valerio Berruti è noto per le sue immagini essenziali ispirate al mondo sospeso dell'infanzia, il momento della vita in cui tutto deve ancora avvenire. L’artista utilizza diverse tecniche: dall’affresco alla scultura passando per la videoanimazione formata da disegni uniti in sequenza.

La giostra di Nina è una scultura del diametro di 7 metri ispirata agli antichi caroselli, che l’artista ha plasmato personalmente. Al posto dei classici cavalli è composta da uccellini, simbolo di quotidianità e anche di libertà, affiancati a protagonisti destinati a spiccare il volo. La giostra di Nina è il simbolo dell’omonimo progetto cinematografico di Valerio Berruti composto da circa 3.000 disegni realizzati a mano e uniti in sequenza fino a diventare fotogrammi di un video. Il corto animato, coprodotto da Sky Arte con la colonna sonora appositamente scritta da Ludovico Einaudi, è stato presentato lo scorso anno in anteprima assoluta al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo in occasione della Festa del Cinema di Roma.

Attualmente il cortometraggio, che sarà visibile alla Reggia insieme alla grande scultura, sta partecipando ai principali festival di cinema internazionali riscuotendo un grande successo: dal Chicago International Children’s Film Festival al prestigioso Tirana International Film Festival fino alla vittoria, nella categoria corti animati, della prima edizione del KINNO Film Festival di Mosca. La scultura verrà esposta al pubblico nello scenario fiabesco della Reggia di Venaria permettendo a tutti di ammirarla e ascoltare la colonna sonora composta da Ludovico Einaudi attraverso un carillon meccanico.

Perché, come spiega Berruti: "ho voluto creare una scultura che ospitasse i bambini, non solo che li rappresentasse. I bambini fanno parte di questo lavoro, come in una performance
collettiva: ogni volta che la giostra partirà, sarà un’opera diversa, con emozioni diverse, una generatrice di performance. E pensare che il mio lavoro possa dialogare alla Reggia con la
straordinaria architettura dello Juvarra è una grande emozione anche per me". Insieme alla grande opera partecipativa e al cortometraggio animato, saranno esposti alcuni
fotogrammi che compongono la videoanimazione.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Al Mufant arriva Sailor Moon: la mostra dedicata alla guerriera giapponese

    • dal 19 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • MuFant - MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza
  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • "Cinemaddosso. I costumi di Annamode da Cinecittà ad Hollywood" alla Mole

    • dal 14 febbraio 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo del Cinema

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Ha riaperto Casa Lajolo: al via anche le visite guidate

    • dal 31 maggio al 31 dicembre 2020
    • Casa lajolo
  • Fase 2, la Palazzina di Caccia di Stupinigi riapre al pubblico

    • dal 26 maggio al 31 dicembre 2020
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento