"L'ultima notte di Edgar Allan Poe" al Teatro Erba

Un ritratto fedele e originale dello scrittore più influente nella storia della letteratura horror, tradotto in una pièce suggestiva che mette al centro turbamenti e inflessioni dell’animo umano. Debutta in prima nazionale al Teatro Erba di Torino, per la stagione 2019/20 di Torino Spettacoli, "L’ultima notte di Edgar Allan Poe" , con Luciano Caratto, per la regia di Enrico Fasella, il 3 e 4 marzo 2020 alle ore 21.

Un uomo vaga per le strade di una città sconosciuta, indossa abiti laceri non suoi ed è incapace di spiegare perché e come è arrivato fin lì. Dopo pochi giorni muore, tra deliri e allucinazioni, invocando il nome di una persona che nessuno conosce: Reynold. Avvincente come la trama di un racconto poliziesco, la cronaca della morte inspiegabile di Edgar Allan Poe è giunta fino a noi velata di leggenda.

Si narra, infatti, che, durante il ricovero in ospedale, lo scrittore non uscì mai da uno stato di confusione mentale, fino a smettere di lottare contro i propri demoni la mattina del 7 ottobre 1849, a soli 40 anni. La messa in scena firmata da Fasella parte proprio da qui e fa un percorso a ritroso, immergendosi nei segreti inconfessabili di Poe in un continuo crescendo di tensione.

Fino al colpo di scena finale, sorprendente come fu la sua dipartita, in quell’ultima, paurosa notte che lo vide protagonista al pari dei personaggi delle sue novelle. “Siamo destinati per sempre a stare in equilibrio sul confine dell'eternità senza il tuffo definitivo nell'abisso”, scriveva.

Mescolando cronaca e finzione letteraria, il testo, riadattato, si basa su tre dei “Racconti del terrore” di Poe: “Il cuore rivelatore”, “Il gatto nero” e “Morella”. “In parte sono considerabili autobiografici – spiega il regista –, perché contengono alcuni rimandi alla sua vita. Ad esempio l’alcolismo, il nervosismo, la sua condizione di borderline, il rapporto con la moglie Virginia Eliza Clemm, che sposò nel 1836 quando lei aveva appena 13 anni e lui 27, falsificando i documenti di nascita.

E, ancora, i continui dissapori con l’editore e critico letterario Rufus Wilmot Griswold, che tentò più volte di infangare la sua reputazione. Una vita infelice, insomma, che lo ha portato a morire molto giovane, nella totale indigenza. Poe è conosciuto come il padre dei racconti horror, ma sappiamo benissimo che li scriveva perché era un genere all’epoca molto gettonato. Probabilmente si trattava di business, lo faceva solo per sopravvivere. Era una persona colta, un grandissimo poeta con vaste conoscenze umanistiche.

Quando, però, ha capito che non poteva vivere di questo, ha trovato un escamotage nel filone dell’orrore. Per quanto riguarda la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose, volutamente in questo lavoro non ho voluto indagare, mantenendo la suspence dall’inizio alla fine”. A dare voce e corpo a Poe, Luciano Caratto, attore teatrale e cinematografico, regista e doppiatore.

Lavora abitualmente con la Compagnia Torino Spettacoli e il Teatro del Baratto. È direttore della Scuola di Teatro “Giuseppe Erba” e direttore artistico della Compagnia Divago. Molti i lavori diretti da Fasella che l’hanno visto protagonista, tra cui L'osteria della posta di Carlo Goldoni, L'uomo dal fiore in bocca e Una giornata di Luigi Pirandello, Il sogno di un uomo ridicolo, di Fëdor Dostoevskij, Emigranci di Slawomir Mrozeck e La signorina Julie di August Strindberg.



 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "E' questa la vita che sognavo da bambino", Luca Argentero in scena al Colosseo

    • dal 3 al 4 ottobre 2020
    • Teatro Colosseo
  • Kally's Mashup, i protagonisti della serie tv al Colosseo

    • 18 ottobre 2020
    • Teatro Colosseo
  • Il 25° Festival delle Colline Torinesi diventa "diffuso" e... dura un anno

    • dal 4 giugno 2020 al 30 giugno 2021
    • Varie location

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • Passeggiata facile in media montagna, sul Sentiero degli Orridi

    • dal 4 maggio al 31 ottobre 2020
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Morenica_net Estate: dal 9 agosto a Ivrea

    • dal 9 agosto al 9 ottobre 2020
    • Cortile del Museo Garda
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    TorinoToday è in caricamento