rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Eventi Centro / Piazza Castello

"Il Trovatore" inaugura la stagione d'opera al Regio, il maestro Steinberg: "Il risultato sarà eccezionale"

Prezzi speciali per i giovani: biglietti a 2 euro e ingressi gratuiti

Estremo, sopra le righe, appassionante. Sarà questo "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi che inaugurerà la stagione d'opera del Teatro Regio. Mercoledì 10 ottobre alle 20, faranno il loro ingresso in scena i personaggi consumati da forti sentimenti del capolavoro simbolo del Romanticismo italiano, quintessenza del melodramma, firmato dal regista Paul Curran. L'orchestra sarà diretta dal maestro israliano Pinchas Steinberg che vanta con il Regio un rapporto artistico pluriennale, oltre ad aver lavorato nei più famosi teatri di tutto il mondo.

Un cast d'eccezione

L'opera, considerata molto difficile dagli addetti ai lavori, richiede un cast d'eccellenza e per questa produzione saliranno sul palco Rachel Willis-Sorensen, giovane soprano americana nei panni di Leonora; il tenore messicano Diego Torre in quelli di Manrico; Anna Maria Chiuri mezzosoprano italiana che interpreterà Azucena e uno dei più apprezzati baritoni della nuova generazione, Massimo Cavalletti nelle vesti del conte Luna.

"L'espressione di parola è fondamentale in quest'opera - ha precisato un carismatico e appassionato Steinberg - : una bella voce non basta, di voci belle ce ne sono tante. E' necessario saper esprimere il testo con l'enfasi giusta e il ritmo giusto. Io insisto sempre molto su questo punto, fino al giorno prima della recita. E sono sicuro che qui a Torino il risultato sarà eccellente". 

Ambientazione rinascimentale

Per "Il Trovatore", come ha spiegato il regista Curran che in questa occasione è alla sua 37ma produzione in Italia, molto spesso si sono viste per il mondo ambientazioni moderne: "Noi abbiamo scelto un'ambientazione rinascimentale - ha spiegato - in grado di poter esprimere le azioni dei personaggi attorno agli elementi cardine dell'opera: la religione, la politica e quel qualcosa che esiste fra l'amore e il sesso".  I costumi ricordano l'Ottocento, la scenografia sarà classica - all'inglese -, con cambi scena a vista e, a farla da padrona, una possente scalinata modulare.

"Ho assistito alla prima prova con l'orchestra - ha detto WIlliam Graziosi, sovrintendente al Regio - : ascoltare i canti e ammirare la bellezza delle scene fanno di questo spettacolo una vera magia. Tutto il mondo imita l'Italia nell'opera lirica: abbiamo i conservatori pieni di coreani e cinesi ma dobbiamo fare in modo che i nostri giovani diventino ambasciatori di questo settore nel mondo. L'Italia ha bisogno di continuare a crescere culturalmente con la musica".  

Il Regio punta sui giovani

Al momento non sono ancora disponibili i numeri esatti dei primi dati di vendita degli abbonamenti al Regio per questa stagione, poichè la campagna ha preso il via soltanto il 29 settembre, tuttavia sembrerebbero essere in linea con quelli della passata stagione. Ma il Regio punta sui giovani e a questo proposito, proprio da oggi, mercoledì 3 ottobre, partono le promozioni al Regio. Per un'iniziativa del ministro Bonisoli, sono infatti in vendita i biglietti per gli Under 25 a soli 2 euro. Inoltre i sedicenni accompagnati da adulti - che comunque avranno l'ingresso scontato - entreranno gratis ed è già in vendita l'Abbonamento Giovani per gli Under 30, scontato fino al 40%. 

“L’ampliamento delle iniziative rivolte ai giovani da parte della Sovrintendenza del Teatro Regio, che permetterà loro di avvicinarsi alla stagione lirica, è una notizia confortante per chi, come me, è chiamata a ricoprire responsabilità pubbliche in campo culturale, in un’epoca complessa che ci richiede il massimo rigore. – ha affermato l’assessora alla cultura, Francesca Leon –. Ritengo che allargare la platea agli adolescenti, alle ragazze, ai ragazzi e in generale a tutti gli under 25, sia un ottimo investimento. Sono loro gli spettatori che coinvolgeremo oggi perché diventino quelli di domani. Offrire l’opportunità di acquistare un biglietto a 2 euro per assistere all'opera e alle rappresentazioni in cartellone - conclude Leon - permetterà di avvicinare ulteriormente i giovani alla musica con un’azione concreta già più volte sollecitata dai consiglieri comunali e sostenuta dal Ministro dei Beni e della Attività Culturali Alberto Bonisoli. Sono sicura che per la nostra città sarà un successo”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Trovatore" inaugura la stagione d'opera al Regio, il maestro Steinberg: "Il risultato sarà eccezionale"

TorinoToday è in caricamento