"I soldi sono tutto", il libro di Fabio Calenda al Museo del Risparmio

Mercoledì 2 ottobre alle ore 18:00 si terrà presso il Museo del Risparmio la presentazione del libro “I soldi sono tutto” di Fabio Calenda. Liberamente ispirato alla vicenda del cosiddetto “Madoff dei Parioli”, nella quale l’autore è stato coinvolto in prima persona, “I soldi sono tutto” narra le lusinghe e i retroscena di un’incredibile truffa finanziaria.

Una storia graffiante, sostenuta da un continuo senso di catastrofe che incombe e tiene alta la tensione fino all’ultima pagina. Interviene l’autore Fabio Calenda, economista, giornalista e scrittore.

L’incontro rientra nella World Investor Week 2019 e fa parte della programmazione del Mese dell'Educazione Finanziaria. La partecipazione è gratuita e l’iscrizione obbligatoria a : prenotazioniMDR@operalaboratori.com entro il 30/09/2019. Al termine è previsto un piccolo aperitivo con l'autore.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Matteo Saudino con "La filosofia non è una barba" all'Off Topic

    • solo domani
    • 5 luglio 2020
    • Off Topic
  • Circolo dei Lettori, gli eventi dal 6 al 10 luglio

    • Gratis
    • dal 6 al 10 luglio 2020
    • circolo dei lettori
  • Passaggi di scienza, tre appuntamenti al Circolo dei Lettori

    • Gratis
    • dal 6 al 20 luglio 2020
    • circolo dei lettori

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • Passeggiata facile in media montagna, sul Sentiero degli Orridi

    • dal 4 maggio al 31 ottobre 2020
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento